In cerca di risposte? Ecco le domande più frequenti.

Sui tuoi investimenti non devi avere dubbi. Se non trovi in questa sezione le risposte che cerchi, non esitare a contattarci, il nostro Servizio Clienti sarà lieto di aiutarti.

 

L'apertura del conto deposito

Dettagli e approfondimenti sulle modalità di apertura di Conto Esagon.
 
Cos'è Conto Esagon?

Esagon è il conto deposito vincolato di Credito Fondiario pensato per rispondere alle esigenze di coloro che desiderano investire su orizzonti temporali di medio-lungo termine con la tranquillità di un tasso garantito. Assicura un tasso di interesse lordo fino al 1% su base annua per importi pari o superiori a 10.000 euro vincolati da un minimo di 12 ad un massimo di 60 mesi. 

È attiva una promozione che offre il tasso dell'1,60% a 24 mesi e del 2,15% a 36 mesi, valida esclusivamente per i vincoli attivati dall'8 aprile al 29 maggio 2020.
Per maggiori dettagli consulti il Foglio Informativo e le condizioni contrattuali disponibili nella Sezione "Trasparenza" del sito.
 
Quanti conti deposito posso aprire?

Quanti ne desidera.

 
Chi può aprire Conto Esagon?

L'apertura di Conto Esagon è riservata alle persone fisiche maggiorenni che abbiano cittadinanza e residenza fiscale esclusivamente italiana.
Alcuni esempi:
- Le persone con la doppia cittadinanza non possono aprire Conto Esagon.
- Le persone residenti all’estero non possono aprire Conto Esagon.
- Le persone residenti in Italia, ma con cittadinanza straniera non possono aprire Conto Esagon.
- Le persone nate all’estero possono aprire Conto Esagon, se non rientrano anche nei casi suddetti.

I cittadini nati negli Stati Uniti dovranno attestare la rinuncia alla cittadinanza americana tramite apposita certificazione: solo in questo modo sarà possibile procedere con l’apertura di Conto Esagon. La certificazione potrà essere inviata all’indirizzo email amministrazione.contoesagon@caricese.it indicando nell’oggetto della email «Certificazione rinuncia cittadinanza Americana e il numero di pratica».

 
Quanti possono essere gli intestatari di Conto Esagon?

Conto Esagon può avere un massimo di due intestatari. Nel caso in cui si scelga di aprire un conto cointestato, in fase di sottoscrizione, sarà necessario inserire i dati anagrafici di entrambi gli intestatari.

 
Come faccio ad aprire Conto Esagon?

Per aprire Conto Esagon basterà collegarsi al sito contoesagon.it e accedere alla procedura di richiesta cliccando sul pulsante “Apri il conto”. Di seguito i passaggi necessari per portare a termine l’apertura del tuo Conto Esagon:

1) Compilazione del modulo di richiesta:

  • - Inserimento dati anagrafici
  • - Scelta di due documenti di riconoscimento
  • - Definizione del conto d’appoggio che rimarrà memorizzato nelle procedure quale unico conto di provenienza valido per la ricezione degli importi da vincolare e quale unico conto di destinazione valido per il bonifico delle somme svincolate dal suo Conto Esagon
  • - Scelta della modalità di firma e di invio dei documenti (elettronica tramite OTP o cartacea)

2) Invio cartaceo o upload dei documenti di riconoscimento, a seconda della modalità scelta in fase di compilazione del modulo di richiesta
3) Firma elettronica o autografa dei contratti, a seconda della modalità scelta in fase di compilazione del modulo di richiesta
4) Invio dei contratti sottoscritti per accettazione, nel caso di scelta della modalità di firma tradizionale
5) Bonifico per l'attivazione del conto verso l’IBAN associato al suo Conto Esagon, indicando come beneficiario il proprio nome e cognome e come causale “Attivazione Conto Esagon pratica nr.XXXXX”.
6) Bonifico dell'importo minimo vincolabile di 10.000 euro

 
Per portare a termine l'apertura del mio Conto Esagon devo effettuare un bonifico di attivazione?

Affinchè la pratica di apertura del suo Conto Esagon vada a buon fine è necessario effettuare un bonifico di attivazione che rispetti le seguenti condizioni:

  • deve provenire dal conto d’appoggio indicato nel modulo di richiesta
  • deve essere effettuato verso l’IBAN del tuo Conto Esagon: indicando come beneficiario il proprio nome e cognome e come causale “Attivazione Conto Esagon pratica n°XXXXX”.

Nel caso di apertura di Conto Esagon cointestato occorrerà effettuare due bonifici di attivazione, uno per intestatario che dovranno provenire dai conti d’appoggio da voi indicati. Nel caso in cui il conto d’appoggio sia cointestato, devono comunque essere effettuati due bonifici: uno per ciascun intestatario del Conto Esagon.

L’importo del bonifico per l’attivazione del conto è a tua completa discrezione, ma l’importo minimo vincolabile sul suo Conto Esagon è pari a 10.000 euro.

 
Di quali documenti ho bisogno per aprire Conto Esagon?

Per aprire Conto Esagon è necessario avere a disposizione:

  • Tesserino del codice fiscale o tessera sanitaria
  • Due documenti di riconoscimento
  • Coordinate bancarie del conto d'appoggio
  • Numero di cellulare
  • Account di posta elettronica.

Come documento di riconoscimento primario, puoi scegliere uno tra i seguenti:

  • Carta d’identità italiana
  • Passaporto italiano
  • Patente italiana.

Come documento di riconoscimento secondario puoi scegliere tra quelli di seguito elencati, ricordando che il documento primario e quello secondario non possono coincidere:

  • Carta d'identità italiana
  • Passaporto italiano
  • Patente italiana
  • Utenza domestica
  • Certificato di residenza rilasciato dal proprio Comune o da una pubblica amministrazione
  • Tesserino munito di fotografia del titolare rilasciato da una pubblica amministrazione.
 
Quali caratteristiche devono avere i documenti di riconoscimento?

I documenti di riconoscimento devono essere:

  • In corso di validità
  • Scansionati fronte/retro in modo che la foto sia nitida e le informazioni leggibili
  • Muniti di sottoscrizione autografa.

Inoltre, nel caso in cui si scelga come secondo documento di riconoscimento l'utenza domestica è necessario che:

  • Non sia anteriore di oltre tre mesi
  • Sia intestata al titolare del Conto Esagon
  • Sia riferita al domicilio indicato nel modulo di apertura.
 
Come funziona la modalità di firma elettronica?

Firmare un documento con modalità di firma elettronica è molto semplice e veloce. La firma elettronica avviene attraverso un codice di sicurezza chiamato codice OTP (one time password). I codici OTP hanno una validità temporale limitata, sono delle password temporanee che rendono il processo di firma assolutamente sicuro. Al momento della firma, riceverai il codice via sms sul tuo cellulare. Automaticamente si aprirà una finestra all’interno della procedura di sottoscrizione in cui ti verrà richiesto di inserire il codice di sicurezza e di confermarlo. A questo punto, i documenti saranno firmati e potrai procedere con il primo bonifico per l’attivazione del tuo Conto Esagon.

 
Il servizio di firma digitale è gratuito?

Il servizio di firma digitale è completamente gratuito, poiché viene attivato esclusivamente per la sottoscrizione dei contratti relativi all’apertura di Conto Esagon.

Accettando i termini del modulo di adesione della firma digitale, acconsenti alla revoca del certificato di firma una volta completato il processo di sottoscrizione dei documenti. Pertanto la tua firma digitale viene automaticamente revocata – dal certificatore accreditato senza necessità di alcuna richiesta – subito dopo la sottoscrizione del modulo di adesione a Conto Esagon.

Non esiste un autonomo documento di revoca, dal momento che la stessa avviene in via automatica.

 
Dove posso trovare il Numero di Pratica?

Il Numero di Pratica si trova nella prima pagina del Modulo di Adesione.

 
Che cosa si intende per conto d'appoggio?

Il conto d'appoggio viene stabilito durante la procedura di richiesta di apertura del conto e resta memorizzato nelle procedure quale unico conto di provenienza valido per la ricezione degli importi da vincolare e quale unico conto di destinazione valido per il bonifico delle somme svincolate dal tuo Conto Esagon.
Il bonifico per l’attivazione del conto, dovrà quindi provenire dal conto d’appoggio che dovrà avere le seguenti caratteristiche:

  • Deve essere un conto italiano quindi con CIN internazionale «IT»
  • Deve essere intestato al titolare di Conto Esagon.

E’ possibile scegliere un conto d’appoggio cointestato, ma deve obbligatoriamente contenere il nome dell’intestatario di Conto Esagon.

In caso di un Conto Esagon cointestato, è possibile scegliere:

  • Due conti d’appoggio distinti, uno per ogni intestatario di Conto Esagon
  • Un unico conto d’appoggio intestato ad entrambi i titolari di Conto Esagon.
 
E’ possibile modificare il conto d’appoggio del mio Conto Esagon?

Sì, è possibile. Basta accedere alla propria area riservata di Internet Banking nella sezione modifica dati anagrafici e scaricare il modulo dedicato. Il modulo dovrà poi essere compilato, sottoscritto e caricato insieme ad un documento di riconoscimento in corso di validità nell’apposita sezione. Per questioni di sicurezza sarà necessario effettuare una telefonata di conferma al nostro Servizio Clienti che provvederà ad effettuare la modifica.

 
Qual è la soglia minima per l’apertura di Conto Esagon?

Non è prevista una soglia minima per l’apertura di Conto Esagon. L’importo del primo bonifico per l’attivazione del conto è a tua completa discrezione, tuttavia l'importo minimo vincolabile su Conto Esagon è pari a 10.000 euro. Un bonifico unico di valore pari o superiore a 10.000 euro ti consentirà di disporre i tuoi primi vincoli senza ulteriori passaggi o attese.

 
E' possibile vincolare 10.500 euro?

No, perchè l’incremento minimo è pari a 1.000 euro. Potrai quindi vincolare 10.000 euro oppure 11.000 euro.

 
Esiste una soglia massima per l’apertura di Conto Esagon?

No, non esiste una soglia massima per l’apertura di Conto Esagon.

 

Il bonifico

Dettagli e approfondimenti sui bonifici di attivazione e alimentazione di Conto Esagon.

 
Quali caratteristiche devono avere i bonifici di attivazione e alimentazione di Conto Esagon?

I bonifici di attivazione e di alimentazione del Conto Esagon, devono essere obbligatoriamente inviati tramite canali SEPA da cui vengono ricevuti in automatico entro 24 ore dalla spedizione. Non è possibile alimentare il Conto attraverso canali diversi (per esempio canali SWIFT o movimentazioni dirette tra banche).

 

Il vincolo

Dettagli e approfondimenti su durata e limiti dei vincoli di Conto Esagon.

 
Come faccio ad attivare un vincolo?

Per attivare un vincolo basterà:

  • accedere alla propria Area Riservata di Internet Banking, utilizzando utenza e password che le sono stati forniti
  • scegliere la durata e la modalità di corresponsione degli interessi che preferisce dall’apposito menù.
 
Quali sono le scadenze dei vincoli di Conto Esagon?

Conto Esagon mette a disposizione vincoli di diversa durata che garantiscono tassi di interesse differenti.

Al momento, Conto Esagon è disponibile nelle scadenze 12, 18, 24, 36, 48, 60 mesi. 

 
Esiste un numero massimo di vincoli che posso attivare?

No, non esiste un numero massimo di vincoli che puuoi attivare. Accedendo all’Area Riservata puoi costituire più vincoli di diversa durata o anche della stessa durata in momenti diversi.

 
Qual è l'importo minimo di ciascun vincolo?

L'importo minimo di ciascun vincolo è di 10.000 euro.

 
Posso decidere di modificare la durata del vincolo?

No, non potrai modificare la durata del vincolo pattuito successivamente alla sua attivazione.

 
Posso prelevare le somme prima della scadenza del vincolo?

Conto Esagon è un conto vincolato, per questo motivo le somme non possono, in nessun caso, essere restituite prima della scadenza naturale del vincolo.

 
Allo scadere del periodo di vincolo stabilito cosa succede? Può essere rinnovato?

Alla scadenza del vincolo, l’importo verrà accreditato, insieme all’ultima cedola di interessi, sul tuo Conto Esagon dal quale potrai prelevare le somme oppure attivare un nuovo vincolo. Non è previsto il rinnovo automatico del vincolo.

 

Il rendimento

Dettagli e approfondimenti sul rendimento e le modalità di ricezione degli interessi di Conto Esagon.
 
Quali rendimenti offre Conto Esagon?

Conto Esagon offre rendimenti che variano in base alla durata del vincolo:

12 mesi: 0,25%

18 mesi: 0,40%

24 mesi: 0,55%

36 mesi: 0,70%

48 mesi: 0,85%

60 mesi: 1%

I tassi indicati sono lordi su base annua.

È attiva una promozione che offre il tasso dell'1,60% a 24 mesi e del 2,15% a 36 mesi, valida esclusivamente per i vincoli attivati dall'8 aprile al 29 maggio 2020.
Per maggiori dettagli consulti il Foglio Informativo e le condizioni contrattuali disponibili nella Sezione "Trasparenza" del sito.
 
Quando posso ricevere gli interessi?

Gli interessi vengono liquidati periodicamente, senza dover attendere la scadenza naturale del vincolo, in base alla tipologia di cedola scelta, che può essere trimestrale o annuale. Potrai scegliere la modalità di corresponsione degli interessi direttamente dalla tua Area Riservata di Internet Banking al momento dell’attivazione del vincolo.

 

Le spese

Dettagli e approfondimenti sulle spese di Conto Esagon.

 
L’imposta di bollo è a carico della banca?

L’imposta di bollo è completamente a carico della banca in caso di attivazione di almeno un vincolo per tutta la durata del periodo.

 
Vi sono altre spese per la tenuta di Conto Esagon?

No, non vi sono spese di alcun tipo su Conto Esagon; salvo che si scelga di ricevere le comunicazioni via posta invece che scaricarle dal sito web.

 

La sicurezza

Dettagli e approfondimenti sulla solidità e la sicurezza di Conto Esagon.

 
Conto Esagon è sicuro?
Conto Esagon è un prodotto sicuro. Il rischio principale è il rischio di controparte, cioè l'eventualità che il Credito Fondiario non sia in grado di rimborsare al Cliente, in tutto o in parte, il saldo disponibile. Per questa ragione la banca aderisce al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, che assicura a ciascun Cliente una copertura, cioè la garanzia di restituzione del deposito, fino a 100.000 euro.
 
Qual è l’Indice di Solidità Patrimoniale del Credito Fondiario?

Il dato ufficiale al 31/12/2019 è di un Indice di Solidità Patrimoniale pari al 17,3%, un livello ampiamente in eccesso ai minimi regolamentari e tra i più elevati del sistema.

 

L'Internet Banking

Dettagli e approfondimenti sulle modalità di accesso all’Area Riservata di Internet Banking di Conto Esagon.

 
Come posso accedere all'Internet Banking?

Le credenziali di accesso al portale di Internet Banking, per motivi di sicurezza, ti verranno inoltrate separatamente. Al momento dell’attivazione del conto riceverai un’email che conterrà la user ID, mentre il Codice PIN ti verrà inviato al numero di cellulare indicato in fase di registrazione. Al primo accesso ti verrà chiesto di personalizzare la password.

 
Cosa devo fare se perdo le credenziali di accesso all'Internet Banking?

Se hai bisogno di ricevere assistenza sulle credenziali di accesso al portale di Internet Banking, puoi contattare il nostro Servizio Clienti tutti i giorni dalle 6 alle 24 al numero verde gratuito 800 545 999 (051 499 2133 per chiamate dall’estero) e digitare l’opzione sei. I nostri operatori saranno felici di aiutarti.

 
Come posso modificare l'IBAN del mio conto d'appoggio?

E’ possibile modificare l’IBAN del conto d’appoggio in qualsiasi momento. Per procedere con la modifica dell’IBAN del conto d’appoggio basterà accedere all’area di Internet Banking nella sezione modifica dati anagrafici. Dovrai scaricare il modulo di modifica IBAN, compilarlo, sottoscriverlo e caricarlo insieme ad un documento di riconoscimento in corso di validità nell’apposita sezione. Come ulteriore conferma, considerata la sensibilità del dato, è necessario anche effettuare una chiamata al Servizio Clienti. L’operatore ti invierà un codice di riconoscimento sul tuo cellulare e ti chiederà di confermarglielo prima di procedere con la modifica effettiva. A modifica avvenuta, riceverai un’email di conferma.

 
Come faccio a modificare l'email associata al mio Conto Esagon?

Se desideri modificare la tua email, puoi inviare la richiesta al nostro Servizio Clienti, scrivendo all’indirizzo assistenza@contoesagon.it.

 
Come faccio a modificare la modalità di ricezione della documentazione da parte della Banca?

La banca rende disponibile la documentazione relativa al Conto Esagon, come i rendiconti periodici e ogni altro documento, sul tuo Internet Banking.

Se desideri ricevere la documentazione anche in formato cartaceo, puoi farne richiesta tramite lettera raccomandata a/r all’indirizzo via Piemonte, 38 – 00187, Roma oppure tramite posta elettronica all'indirizzo email info@contoesagon.it o posta elettronica certificata all’indirizzo contoesagon@legalmail.it.

 
Cos'è la Secure Call?

La Secure Call è uno strumento di sicurezza utilizzato a conferma delle operazioni dispositive. Ti verrà richiesto di chiamare un numero verde e digitare il codice PIN che apparirà sul tuo computer.

Nel caso di apertura di Conto Esagon cointestato, per poter utilizzare la Secure Call, è necessario indicare due numeri di cellulare diversi, uno per ciascun intestatario.

 
Come posso rimanere aggiornato sugli interessi maturati sul mio Conto Esagon?

Tutte le comunicazioni verranno rese disponibili nel tuo portale di Internet Banking al quale potrai accedere anche da smartphone. Inoltre, in fase di apertura del Conto potrai scegliere in quale modalità ricevere le comunicazioni. La scelta della modalità cartacea con conseguente utilizzo del servizio postale, comporterà un costo aggiuntivo oltre che un dispendio di carta (per maggiori dettagli sui costi la invitiamo a consultare il Foglio Informativo). Le suggeriamo di effettuare la scelta più ecologica e di utilizzare il portale di Internet Banking per leggere le comunicazioni e visualizzare in qualsiasi momento la documentazione utile.

 

L'estinzione del conto deposito

Dettagli e approfondimenti sulle modalità di estinzione di Conto Esagon.

 
Posso chiudere Conto Esagon?

Sì, in fase iniziale puoi decidere di chiudere Conto Esagon senza penali, entro 14 giorni dalla data di apertura del conto deposito. Il recesso ha effetto dal momento in cui riceveremo comunicazione. In tale ipotesi, provvederemo a restituire le somme depositate senza corresponsione degli interessi.
Successivamente puoi in ogni momento decidere di chiudere Conto Esagon; tuttavia, se hai dei vincoli in corso, la tua richiesta avrà efficacia solo alla scadenza dei vincoli attivi.

 
Come faccio a chiudere Conto Esagon?

Per chiudere il tuo Conto Esagon dovrai:

  1. Compilare il modulo di estinzione presente nella sezione Trasparenza del sito
  2. Scansionare un tuo documento d’identità fronte/retro in corso di validità
  3. Inviare la richiesta tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno a: Ufficio Esagon - Credito Fondiario S.p.A., via Piemonte, n. 38 – 00187, Roma oppure tramite Posta Elettronica Certificata all'indirizzo contoesagon@legalmail.it.
 

I contatti

Dettagli e approfondimenti sulle modalità di contatto e assistenza di Conto Esagon.

 
Come posso ricevere assistenza su Conto Esagon?

Per ricevere assistenza su Conto Esagon puoi contattare il Servizio Clienti telefonicamente o via mail.
Per contattare il Servizio Clienti puoi chiamare il numero gratuito 800 545 999 oppure 051 499 2133 per chiamate dall'estero. Il Servizio Clienti è attivo tutti i giorni dalle 6 alle 24.

 

Definizione e significati

Un breve glossario per conoscere tutti i termini utili.

 
Cos'è il FITD?

Il FITD è il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, un consorzio di diritto privato costituito dalle banche italiane nel 1987 su base volontaria, che garantisce ai depositanti delle banche consorziate una copertura fino a € 100.000.

 
Cos'è il CET 1?

Il CET1 (Common Equity Tier 1), è l’indice di solidità bancaria costituito dal rapporto tra il capitale ordinario di un istituto e le sue attività ponderate per il rischio. Più è alto il parametro, più la banca è solida.

 
Cos'è la normativa FATCA?

La normativa FATCA stabilisce che una Banca italiana che abbia come cliente una U.S. Person (una persona fisica avente cittadinanza o residenza fiscale negli USA) è tenuta a segnalarlo, tramite l'Agenzia delle Entrate italiana, alla corrispondente autorità fiscale statunitense.

 
Cos'è la normativa CRS?

La normativa CRS prevede che una Banca italiana si faccia rilasciare dal cliente un'autocertificazione nella quale egli attesti la propria residenza fiscale. In caso di residenza fiscale in uno o più dei 53 Paesi aderenti al CRS la Banca dovrà prevedere un flusso informativo verso l’Agenzia delle Entrate.
Il Credito Fondiario, al momento, ha scelto di accettare per Conto Esagon solo clientela con cittadinanza e residenza italiana.