Riordinare l'armadio per riordinare la vita
Tempo di Valore

Riordinare l'armadio per riordinare la vita

Adesso che abbiamo più tempo possiamo dedicarci a cose che di solito non facciamo. Conosci il metodo Marie Kondo? Riordinare gli armadi per riordinare la vita.
Data
17.04.2020

I nostri armadi non aspettano altro che essere riordinati e puliti

Non bisogna essere per forza nostalgici o accumulatori compulsivi per ritrovarsi una valanga di vestiti negli armadi. Fare shopping è divertente e basta poco per non ricordare più quel che si possiede. Molti di noi quando si rendono conto di avere dei capi che non indossano mai, perché non ci piacciono più o perché non sono più della nostra taglia, non se ne disfano. Anzi, si impegnano a sistemarli in cassetti o a confinarli in ordine in zone dell’armadio scomode da raggiungere e magari decidono perfino di aggiungere qualche cassettiera alla mobilia di casa per conservarli. Ma la domanda è: perché rubare spazio alla nostra casa per cose che già sappiamo non useremo più?

Ordine tra i vestiti e il look cool è assicurato

Se per lavorare bene serve una scrivania ordinata, anche per fare i giusti abbinamenti serve un armadio ordinato. Questo non vuol dire curare l’armadio in maniera maniacale, ma solo amarlo un po’ di più.  Aprire l’anta e trovarci dentro solo capi che utilizziamo, in ordine, ben visibili e suddivisi in categorie, vuol dire riuscire a creare look perfetti in poco tempo e senza sforzo. Suddividere i capi per tonalità di colore, per esempio, semplificherà moltissimo i tuoi abbinamenti. Un altro criterio potrebbe essere quello in base alle occasioni d’uso che ognuno di noi stabilirà seguendo il proprio stile di vita. Un esempio potrebbe essere: ufficio, uscite con gli amici, palestra, casa. Se invece non si amano gli schemi classici possiamo pensare di creare delle categorie di capi in base a come vorremmo sentirci indossandoli: comodi, formali, casual, sportivi.

Il metodo Marie Kondo e l’effetto boomerang

Se non hai ancora avuto modo di provare il celebre metodo Marie Condo, è questo il momento giusto per farlo. Autrice del libro “Il magico potere del riordino” e guru in tema di riordino, Marie Condo porta avanti una tanto semplice, quanto efficace filosofia: mettere ordine in casa, vuol dire mettere ordine nella propria vita. Per prima cosa bisogna evitare l’effetto boomerang, ovvero accantonare capi che non usiamo. Bisogna imparare a dar via. Questo significa che se ci sono vestiti di troppo anche se ancora in buone condizioni vanno donati. Pensandoci è anche un bel gesto dare qualcosa a qualcuno che gli darà una nuova vita! Bisogna tenere solo quello che ci rende felici. E se per scegliere di buttare o meno un capo si è troppo indecisi, sarà già chiaro che è il caso di donarlo. Secondo Marie Kondo esiste anche un metodo per tenere a bada i sentimenti di colpa quando si butta o dona un capo che magari avevamo acquistato ad un prezzo alto. Il consiglio è ringraziare con la mente quel capo per aver in qualche modo partecipato a tanti momenti della vita.
Il tutto può sembrare un po’ bizzarro, eppure sono tante le persone che hanno provato questa tecnica e sono rimaste soddisfatte!

 Gli step da seguire

Una volta che ci saremo disfatti di quello che non ci serve e che avremo conservato solo quello che ci rende felici, possiamo passare al riordino. Molto originale è il la tecnica Konmari per piegare le magliette nei cassetti o all’interno di scatole. Vanno piegate in modo da creare dei piccoli rettangoli di uguale misura da posizionare in senso verticale in modo che tutte le magliette siano visibili aprendo il cassetto. L’obiettivo è quello di creare una sorte di libreria di magliette. Pensandoci, per riconoscere un libro su uno scaffale guardiamo il dorso. Questo è davvero un bel vantaggio quando si va di fretta e si sa cosa indossare!
Un altro suggerimento è quello di comprare nuovi mobili per contenere vestiti, solo se è davvero necessario. In caso contrario non si farebbe altro che accumulare inutilmente.

L’ultima dritta è quella di fare il riordino da soli. Avere altre persone accanto indurrebbe a non disfarsi di alcuni capi o a distrarsi facilmente. In fondo serve concentrazione per rendere un armadio perfetto.

 

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo