Claude Monet alla palazzina di caccia di Stupinigi
Tempo di Valore

Claude Monet alla palazzina di caccia di Stupinigi

Tanti sono gli eventi dietro l’angolo, oggi ne abbiamo selezionato uno davvero interessante per te: The immersive Experience. Fino all’8 settembre la straordinaria mostra multimediale di Claude Monet presso la stupenda Palazzina di Caccia di Stupinigi.

Data
19.07.2019

L’arte che “impressiona”

"A forza di trasformazioni, io seguo la natura senza poterla afferrare, e poi questo fiume che scende, risale, un giorno verde, poi giallo, oggi pomeriggio asciutto e domani sarà un torrente”.

È così che il poeta della luce descrive il suo rapporto con la natura. Nella sua arte non c’è la volontà di rappresentare il circostante in maniera realistica, ma cogliere in quell’attimo che è sempre fuggente l’essenza delle cose. Così si fanno quasi inesistenti i contorni delle figure sulla tela dipinta da un pennello rapidissimo che si muove con scioltezza per catturare l’impressione irripetibile di un istante. Non c’è tempo per curare i dettagli, né per i disegni o per il chiaroscuro, perché quel che serve è una pittura rapida e capace di catturare tutte quelle infinite sfumature che la luce è in grado di creare, trasformando un unico soggetto in molteplici impressioni.

Alla ricerca della luce che muta le cose, il cavalletto degli impressionisti abbandona l’atelier per spostarsi “en plein air”, all’aria aperta e spesso in mezzo alla natura. 

Claude Monet

È proprio da una celeberrima opera di Monet, dal titolo “Impressione. Sorgere del sole” che un giornalista dell’epoca coniò il termine “impressionismo” per indicare in tono denigratorio quel movimento di artisti rivoluzionari francesi che avrebbe emozionato il mondo, entrando nei cuori di tutti gli amanti del bello.

Questa corrente artistica, così scandalosa ai tempi, metteva al centro di ogni cosa il colore, a discapito della precisione, credeva nell’unicità delle percezioni visive, poneva come primo obiettivo di ogni opera l’espressione di un’emozione e trovava in Claude Monet uno dei principali fondatori. Una vita dedicata alla luce e alla natura, consacrate in quelle tele dalla bellezza senza tempo che il pittore ha regalato al mondo. Le ninfee hanno rappresentato uno degli amori più travolgenti dell’artista, che le ha dipinte innumerevoli volte rendendo così famosi quei sogni fatti di petali galleggianti su acque stagnanti. La natura è qualcosa di sfuggente, continuamente in metamorfosi, sempre pronta a sorprendere. E, secondo Monet, è proprio quella meraviglia cangiante che l’artista dovrebbe comprendere e regalare alla tela.

The immersive Experience

È davvero un’esperienza immersiva quella che puoi vivere a due passi da Torino tra le mura dell’elegantissima palazzina di caccia di Stupinigi. Qui, fino all’8 settembre, potrai accedere alla mostra multimediale di Claude Monet. Un modo per non ammirare le opere, ma immergerti dentro. Stai pur certo che non si tratta di un modo di dire, perché puoi entrarci dentro davvero.

Un modo tutto nuovo per apprezzare l’arte. È un sistema che, grazie a delle proiezioni 3D mapping, fa prender vita ai capolavori di Monet. Ogni parte dell’edificio - dalle pareti, ai soffitti, ai pavimenti - si popoleranno di colori vivissimi che potrai goderti da seduto, sdraiato o camminando per un’esperienza incredibile. Sarà quasi come trovarsi indietro nel tempo nella seconda metà dell’ottocento a due passi da un cavalletto “en plein air” in mezzo a quegli artisti così anticonformisti per l’epoca, così straordinari per sempre.
Un evento a testimoniare che la tecnologia a servizio dell’arte sa emozionare.

Per tutte le info visita il sito: https://monet-experience.it/ticket-info/

 

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo