L'amore tra Canova e Roma
Tempo di Valore

L'amore tra Canova e Roma

Tanti sono gli eventi dietro l’angolo, oggi ne abbiamo selezionato uno davvero interessante per te: Canova, eterna bellezza. Una mostra di oltre 170 opere del Canova a Palazzo Braschi.
Data
11.10.2019

La mostra che racconta una storia d’amore

Con un’esposizione di 170 opere organizzate in 13 sezioni, la mostra rivela la stupenda storia d’amore tra lo scultore neoclassico e la città eterna. Il percorso della mostra replica le tappe dell’autore che, fin dall’età di 22 anni, ha iniziato a studiare e ammirare le opere disseminate nella città eterna. È lì che è avvenuta la sua crescita professionale dell’artista, grande ammiratore dei capolavori classici. È a Roma che inizia il suo cammino verso la perfezione e l’armonia, minimo comune denominatore di tutte le sue opere.  

Il percorso espositivo regala l’emozione di contemplare le opere proprio come l’artista le mostrava ai suoi ospiti: girandovi intorno di notte alla luce di una torcia.

Le opere, infatti, sono poste su piedistalli rotanti e illuminate con luci calde.

Puoi approfittare, inoltre, di una mostra nella mostra. Mimmo Jodice, uno dei più grandi maestri di fotografia, espone 30 foto delle opere del Canova fornendone una lettura interessante e singolare da analizzare.

Amore e Psiche

All’interno della mostra trovi un’opera in particolare su cui la tua attenzione non potrà fare a meno di soffermarsi: Amore e Psiche. Probabilmente il capolavoro più famoso al mondo dell’artista che ha fatto sognare decine di migliaia di ragazzi che vi si sono imbattuti, dal vivo o sui libri di storia dell’arte tra i banchi di scuola.

Quella che vedrai a Palazzo Braschi è un’incredibile riproduzione in 3D dell’opera originale esposta al Louvre. La riproduzione è stata ideata da Magister e realizzata attraverso l’utilizzo di Robotor, un robot che per 270 ore ha lavorato un blocco di marmo bianco di Carrara del peso di 10 tonnellate.  Una prova del fatto che la tecnologia, nel rispetto degli autori, rendono possibili riproduzioni fedelissime dei capolavori artistici.

Cosa sai di Amore e Psiche?

I due amanti sono i protagonisti di una storia dell’Asino d’oro di Apuleio (II secolo d.C.). La fanciulla, considerata una delle ragazze più belle del mondo, aveva suscitato l’ira di Venere, la dea della bellezza, che non poteva certo accettare che un’umana la superasse. La Dea decisa a far sparire la giovane donna, mandò da lei suo figlio Amore. Ma questi, innamoratosene perdutamente, decise di portare Psiche in segreto con sé a palazzo facendole però promettere che non avrebbe mai dovuto guardarlo in volto.

Ma la curiosità presto spinse la bella a disubbidirgli e Il Dio, sentendosi tradito, la abbandonò. La ragazza, ancora innamorata, si piegò alle terribili prove d’amore a cui Venere la costrinse, tra queste quella di impossessarsi di un po’ della bellezza di Proserpina. Quest’ultima prova si rivelò un tranello di Venere che fece cadere la fanciulla in un sonno profondo. Fu in quel momento che Amore, comprese le pene di Psiche, volò da lei e la baciò risvegliandola.

È proprio questo il momento che Canova immortala: un bacio nell’attimo prima di avvenire. Quando le labbra stanno per sfiorarsi. L’occhio dello spettatore è ipnotizzato dal bacio, centro focale di uno schema a X disegnato dai corpi bianchi dei due amanti.

È una meravigliosa opera neoclassica, così complessa e in grado raccontare l'amore, regalando allo spettatore un incredibile senso di armonia.

Per maggiori dettagli sull’evento visita il sito: http://www.museodiroma.it/it/mostra-evento/canova-eterna-bellezza

 

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo