Al cospetto di un albero d’altri tempi
Tempo di Valore

Al cospetto di un albero d’altri tempi

È sempre tempo di scoperte. Mettiti alla prova sperimentando qualcosa di nuovo. Hai mai pensato di far visita ad un albero millenario? Un pezzo di storia, un monumento della natura, una bellezza senza tempo.
Data
05.02.2020

In Italia vi sono alberi così antichi da potersi considerare veri e propri fossili viventi. Da nord a sud gli esemplari abbondano formando un patrimonio inestimabile della nostra sorprendente penisola che in ogni regione detiene qualche magnifico centenario fusto. Ognuno di questi, se potesse parlare, sono certo che avrebbe incredibili storie da raccontare.

L’albero più antico d’Italia

È nella bella Sardegna, precisamente a Luras in provincia di Sassari, che solenne come un tempio dell’antica Grecia vive l’albero più antico d’Italia. È un olea europaea, l’olivo di San Baltolou di Luras. Mentre in Egitto si costruivano le prime piramidi, 4000 anni fa ebbe inizio la sua vita straordinaria. Con i suoi 14 metri di altezza, 11 di circonferenza del tronco e 21 metri quadri di chioma, il “s’ozzastru”, così lo chiamano i sardi, non passa di certo inosservato.

Qualche altro gigante verde d’Italia

Attraversando il mare e lasciandoti la Sardegna alle tue spalle, è nell’altra isola maggiore, precisamente nel Parco dell’Etna, che si trova il castagno dei 100 cavalli. Deve il suo nome ad una leggenda secondo la quale Giovanna La Pazza con tutti i suoi 100 cavalli vi si rifugiò dalla pioggia durante una battuta di caccia. Nel lussureggiante territorio del Pollino, tra Calabria e Basilicata, invece, vive da 230 anni il Pino Loricato, una specie endemica del Parco nazionale, dove, impavidi del tempo che passa, sono rimasti solo pochi esemplari. C’è poi la Quercia delle Checche a Pienza, in Toscana, l’olivo di Canneto Sabino nella provincia di Rieti, le querce nel Parco della Sila in Calabria, il fico di Badia Cavana in provincia di Parma e la lista potrebbe continuare ancora per molto.

Una vita che dura da secoli

C’è una legge, la n. 10 del 2013, a tutela di tutti gli esemplari ultrasecolari disseminati sul nostro territorio. Tutti gli alberi ritenuti d’interesse, vengono archiviati in una lista che oggi ne contiene oltre 12000. Non importa da quale regione tu voglia iniziare, avrai tanto da vedere. C’è chi al cospetto di questi giganti verdi buoni e silenziosi rimane di stucco, in un atteggiamento reverenziale verso un essere vivente che, sulla sua corteccia, all’ombra delle foglie della sua chioma, sopra le sue radici ha visto passare secoli di uomini, invenzioni e accadimenti, talvolta millenni divenendo esso stesso un pezzo di storia. Una storia da conoscere, rispettare ed amare.

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo