Un viaggio da soli
Tempo di scoperte

Un viaggio da soli

Il venerdì è tempo di scoperte.  Mettiti alla prova sperimentando qualcosa di nuovo. Hai mai fatto un viaggio da solo?  

Data
17.05.2019

Se parti da solo non viaggi da solo

C’è chi da solo non prenderebbe nemmeno un caffè in un bar, né sognerebbe mai di andare al cinema senza la sua dolce metà. Ma è giusto che tu sappia che un viaggio con se stessi è un’opportunità di crescita più unica che rara. La prima paura da mettere via prima di partire è quella di rimanere da solo: partire da solo non ti darà solitudine. Sembra un ossimoro, ma è proprio così. Se partirai ti accorgerai che è vero l’esatto contrario e cioè avere tanta compagnia.
Non avere al tuo fianco il tuo partner o un amico ti darà l’opportunità di legare con quelle persone che le circostanze ti faranno incontrare. La socievolezza legata all’essere umano ti spingerà sempre a trovare qualcuno a cui sorridere, con cui parlare del più e del meno o magari chiedere un consiglio in caso di bisogno. Riuscirai a stringere amicizie con una facilità che fino a qualche giorno prima ritenevi impensabile e si creeranno legami unici dettati dai bisogni più disparati. Chi ha scalato la montagna con te, condiviso un tavolo e un’improbabile zuppa o si è seduto al tuo fianco in un autobus per ore raccontandoti la storia della sua vita, le sue paure, i suoi errori più grandi non avrai il tempo di accorgertene e lo sentirai già tuo amico. Forse lo rincontrerai o forse non lo vedrai mai più, ma stai certo che le ore trascorse insieme, entrambi lontani dal vostro mondo e fuori dal recinto delle vostre abitudini renderà quel legame indissolubile.

Perché partire da soli?

Oltre alla possibilità di conoscere persone nuove, un viaggio in solitaria è lo strumento giusto per aprire la tua mente. Sperimentare realtà nuove, mangiare cibi dai colori e sapori tipici del posto e osservare i comportamenti di una società diversa da quella in cui sei nato significherà aprire la tua mente verso nuovi orizzonti. Ritrovarsi a camminare da soli per strada in un mondo lontano dal tuo ti porterà non solo ad avviare una crescita nel tuo approccio nei confronti del mondo, perché mentre osservi tutto ciò che ti circonda si smuoverà qualcosa di importante dentro di te. Avrai il tempo di essere te stesso, ascoltare il tuo respiro e rispettare il tuo ritmo vitale senza interferenze da parte di qualcun altro. Infatti, Anche le persone che ti amano di più, pur senza volerlo, con esigenze e gusti per forza di cose diversi dai tuoi influenzerebbero le tue scelte. La solitudine, invece, ti regalerà la libertà di scegliere qualsiasi cosa, dall’ordine al ristorante fino all’orario giusto per andare a dormire. Per una volta l’unica persona che dovrai accontentare e rendere felice sarai tu e nessun altro.

Se hai qualche timore

Se l’idea di ritrovarti completamente solo su strade che non hai mai percorso, in mezzo a mille sconosciuti che quasi sicuramente non sanno nemmeno due parole della tua lingua ti inquieta un po’, allora non buttare via del tutto l’idea di viaggiare da solo, cerca soltanto di essere inizialmente meno radicale.
La soluzione potrebbe trovarsi online. Infatti, sono sempre di più le persone che decidono di partire in un viaggio organizzato insieme a sconosciti. Se ci pensi potresti comunque mantenere un elevatissimo livello di autonomia rispetto al gruppo durante il viaggio (stai certo che non proverai la sensazione di trovarti in un viaggio d’istruzione tra liceali!) e allo stesso tempo non sentirti troppo smarrito.
In questo modo un po’ alla volta ti avvicinerai all’avventura in solitaria e solo a tempo debito potrai partire completamente solo raggiungendo così l’imperturbabilità del vero lupo. Un lupo solitario, ma contento!

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo