Sognare di fronte all'aurora boreale
Tempo di scoperte

Sognare di fronte all'aurora boreale

È sempre tempo di scoperte. Mettiti alla prova sperimentando qualcosa di nuovo. Hai mai pensato di partire per ammirare lo spettacolo di un’aurora boreale? 

Data
04.09.2019

Il valzer di luci di un’aurora boreale

Ci sono cose che nascono per far sognare. Una di queste è l’aurora polare, boreale se si verifica nell’emisfero settentrionale, australe in quello meridionale.

Cos’è l’aurora boreale?

Dietro quell’incantevole valzer di luci colorate, c’è in realtà un affascinante fenomeno fisico, di cui protagonista indiscusso è il sole.

Tutto avviene grazie alle esplosioni solari che emanano nello spazio, oltre alla luce, elettroni e protoni. Queste particelle, viaggiando ad una velocità che arriva fino agli 800 km/h, avvicinandosi alla terra, subiscono una accelerazione dovuta al campo magnetico del nostro pianeta. Questo fenomeno si verifica in maniera molto più intensa soprattutto in prossimità dei poli terrestri, dove il campo magnetico è più forte. Queste particelle, chiamato anche “Vento solare”, così accelerate dal capo magnetico vanno ad urtare con l’azoto e l’ossigeno presenti nell’atmosfera. L’urto produce energia che noi vediamo, con immenso meraviglia, sotto forma di luce. Il contatto con l’azoto, per esempio, emette luce verde, quello con l’ossigeno luce arancione.

Quando vederla?

Come una bellissima donna enigmatica ed affascinante non è facile prendere un appuntamento con l’aurora boreale: è “lei” a decidere quando e dove regalare il suo splendore agli occhi di chi scalpita per ammirarla. Una cosa però è assodata: esistono momenti dell’anno e luoghi in cui è molto probabile che le onde di luce si facciano scorgere. Senza dimenticare però che una buona dose di pazienza è essenziale! D’altronde si sa che più lunga è l’attesa, più lungo sarà il piacere.

Si tratta di due fasce ristrette vicino ai poli terrestri: gli ovali aurorali. E i periodi dell’anno migliori per vederla sono sicuramente fine autunno, inverno e primavera. Dalle 6 del pomeriggio fino all’una di notte, quando la luce è scarsa e non c’è la luna piena a schiarire il cielo.

Dove vederla?

Prima di partire, prendi tanto coraggio e portatelo con te. Ti servirà nell’attesa che lo spettacolo cominci: è bene che tu sappia che l’aurora boreale va d’accordo con il freddo asciutto, lontano dalle luci della città.

In Finlandia, per esempio vicino al lago Inari, puoi aspettarla in un igloo. Poi ci sono le isole Lofoten nella Norvegia del nord, dove l’aurora colora da sempre non solo i cieli, ma anche la fantasia di chi da secoli la celebra in miti e leggende.

Per vedere moltiplicarsi gli effetti della luce sull’acqua il lago glaciale Jökulsárlón in Islanda fa al caso tuo.

Verso ovest poi c’è il Canada, con Yellowknife e Alberta. Quest’ultima è il regno delle stazioni NASA dove si studiano gli effetti di questo incredibile fenomeno sugli elementi della natura.

E prima di partire, mentre prepari la valigia riempiendola di maglioni, cappelli e sciarpe in lana, ricordati che gelo e kilometri da percorrere saranno un piccolissimo sacrificio rispetto all’immensità della bellezza della natura che si mostrerà ai tuoi occhi.

 

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo