Un tè come la regina d'Inghilterra
Tempo di scoperte

Un tè come la regina d'Inghilterra

È sempre tempo di scoperte. Mettiti alla prova sperimentando qualcosa di nuovo. Hai mai pensato di prendere un tè come la regina d’Inghilterra? A Londra, tra ceramiche a fiori, tramezzini, scones e pasticcini.
Data
23.10.2019

Un rituale famoso in tutto il mondo. Un momento di relax per concedersi di assaporare con leggerezza le frivolezze della vita.

Quando tutto ha avuto origine

Prendere il tè è una tradizione che risale al 1840. Tutto ebbe inizio quando Anna, settima duchessa di Bedford e cara amica della regina Vittoria, verso le 16:00 di un pomeriggio di luglio come tanti, sentì un leggero languorino. In verità, le capitava molto spesso al pomeriggio di accusare un tale senso di fame da renderle difficile l’attesa della cena.

Bisogna precisare che all’epoca in Inghilterra si usava fare solo colazione e cena. Anna decise allora di chiedere alla sua servitù una “cup of tea” accompagnata da qualche pasticcino. Si innamorò fin da subito quella stravagante soluzione e decise di ripeterla ogni giorno, invitando amici e parenti a consumare lo spuntino con lei.

Anche la regina approvò fin da subito l’afternoon tea che diventò ben presto un’istituzione nel panorama prima nazionale e poi internazionale. Era ed è un momento di svago, contraddistinto da un leggero chiacchiericcio fatto di pettegolezzi e sorrisi.

Furono realizzate perfino linee di abbigliamento femminili di abiti da destinare al momento del tè. Era nato quello che si definisce un evento mondano destinato a durare nel tempo.

Qualche curiosità

Anche se è di uso comune dire che il tè si beve alle 5:00 del pomeriggio, in realtà secondo la tradizione, può essere servito dalle 15:30 alle 17:00.

Inutile dire che un vero inglese non beve tè in bustina, ma sfuso. Precisamente un cucchiaino di tè a persona. Il latte può essere aggiunto a piacere, ma non deve superare un quinto della tazza, mentre lo zucchero, almeno per i più intransigenti, dovrebbe essere in zollette.

Esistono due versioni di afternoon tea, entrambe accettate dalla tradizione, l’High Tea e il Low Tea.

Se il primo vede una buona tazza di tè da pasticcini e biscotti, il secondo è un vero e proprio sostituto della cena. In questo caso la bevanda, infatti, è in realtà una sorta di accompagnamento ad un pasto.

Se vai a Londra gustalo qui

Premetto che è un’abitudine piacevole e distensiva ritrovarsi a casa propria o da amici per sorseggiare una buona tazza di tè. Mentre un piacevole profumo dalla teiera si diffonde nell’ambiente è un momento perfetto per distrarsi con un po’ di gossip o parlando del più e del meno.

Ma se per una volta vuoi davvero atteggiarti all’inglese, sentirti un po’ Mary Poppins che sale sul soffitto e un po’ Alice che non riesce a finire la sua tazza tra la Lepre Marzolina e il Cappellaio Matto, allora devi scegliere Londra. Devi andare al Claridge’s, che da 150 anni con le sue pareti pastello e i suoi lampadari preziosi, regala l’emozione di un’esperienza senza tempo. Oppure puoi andare vicino a Covent Garden, al Savoy, nel meraviglioso Thames Foyer al suono di un pianoforte.

I posti dove sorseggiare l’antica bevanda sono davvero tanti. In primis il tuo salotto! Quel che ti serve è un paio di amici, un divanetto, un tavolino, delle eleganti porcellane dipinte a fiori e, ovviamente, “a cup of tea”!

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo