Il barattolo della felicità
Tempo di scoperte

Il barattolo della felicità

È sempre tempo di scoperte. Mettiti alla prova sperimentando qualcosa di nuovo. Hai mai pensato di realizzare un barattolo della felicità? Pillole di positività in scatola da usare al bisogno.
Data
11.03.2020

Sono le piccole cose a dare la felicità. E sono cose così “piccole” da riuscire ad entrare in un barattolo. Puoi fare un po’ come una nonna premurosa che d’estate prepara la conserva di pomodoro ai suoi nipoti. Premesso che puoi preparare quella di pomodoro anche tu che è buonissima, qui ti consiglio un altro tipo di conserva: la “conserva di felicità”.

Cos’è il barattolo della felicità?

Forse non credevi che la felicità si potesse conservare e invece è proprio così. Ti basterà un barattolo. Puoi sceglierlo della forma che preferisci, quel che conta è che sia trasparente e bello grande! Potresti prendere uno di quei recipienti in vetro in cui si mettono le caramelle o i biscotti per la colazione. Puoi scegliere di decorarlo, magari utilizzando degli smalti o degli stencil, oppure lasciarlo semplice così com’è.
Adesso trova un posto nella tua casa che ami, come una mensola su cui tienile foto di famiglia o i tuoi ricordi, e posizionaci il tuo nuovo amico di vetro.

Le istruzioni per riempirlo

È stata la famosa scrittrice Elizabeth Gilbert, autrice del libro divenuto un best-seller “Eat, Pray, Love” a promuovere per la prima volta questa idea creativa della felicità in barattolo. Ogni giorno, anche quello in cui tutto sembra andare a rotoli ci sarà sempre qualcosa di bello che in futuro non dovresti dimenticare.

E allora, se “scripta manent”, perché non usare dei fogliettini per riportarci sopra un tuo pensiero positivo, un gesto compiuto che ti fa onore, una gentilezza ricevuta da qualcuno, una nuova consapevolezza, un sogno, un progetto?
Per farlo potresti scegliere di seguire due strade: una più “estetica”, l’altra più radicale. Per seguire la prima ti basterà tenere vicino al barattolo tantii fogliettini colorati da usare giorno dopo giorno, la seconda invece prevede che oltre al vaso e alle biro colorate, tu non tenga nient’altro. Questo perché per annotare la tua felicità utilizzerai gli oggetti che ti capitano al momento: uno scontrino, il pezzo di un fazzolettino, la parte pulita della carta di un muffin. In questo modo ti sarà facile associare anche quel “rustico bigliettino” al momento preciso in cui lo avevi scritto, facendoti rivivere con ricordi più vividi la gioia che provavi quando lo hai scritto.

Un’abitudine solitaria o di famiglia

Scegli un momento della giornata in cui puoi ritagliarti qualche minuto per te stesso. Siediti su una sedia o sdraiati sul divano e pensa a qualcosa di bello che è avvenuta intorno a te oppure semplicemente qualcosa che ti passa per la mente e riportalo in breve su un bigliettino da riporre nel tuo barattolo. Devi anche sapere che è una piccola opera da realizzare da solo o in compagnia della persona che ami o in famiglia. In quest’ultimo caso può diventare un’abitudine davvero interessante per tutti i partecipanti e un modo per stare insieme ed ascoltarsi. E i bambini dovrebbero essere liberi di esprimersi, senza correzioni da parte degli adulti, con la possibilità di mettere in luce quello che per loro è stato bello e importante.

Dopo che saranno passati almeno 6 mesi o un anno, in un giorno qualsiasi oppure in uno che ritieni speciale, magari il giorno del tuo compleanno, quello del tuo bambino oppure un anniversario particolare, potrai aprire il coperchio e svuotare tutta la tua gioia, per non dimenticarla. E ogni volta che ti sentirai un po’ giù potrai pescare un bigliettino per dare nuova luce ad una tua giornata buia.

Una soluzione creativa montessoriana: il barattolo della calma

Un altro barattolo che potresti affiancare a quello della felicità è quello della calma. È di scuola montessoriana il barattolo che nasce con l’obiettivo di calmare i bambini, ma che può essere usato anche come antidoto per ansia e stress dai grandi. Per farlo ti serve solo un barattolo di vetro. Dentro ci metterai della colla glitterata blu, dei glitter blu e argento e un cucchiaio di shampoo. Ti basterà scuoterlo e mostrarlo al tuo bambino o semplicemente fermarti a guardarlo tu ogni volta che vorrai per placare ansie e pensieri. Scuotendolo ti sembrerà di vedere un piccolo cielo in miniatura in cui stelle brillanti fluttuano. Un momento di pace, un momento di sogno.

 

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo