Tempo di Mercati

Il mercato del fitness

28.03.2019

Il mercato del fitness conta un numero altissimo di appassionati. E’ un settore sempre in evoluzione alla ricerca di incredibili novità.

Il mercato del Fitness, negli ultimi 20 anni, ha subito una grande evoluzione dovuta principalmente al diverso atteggiamento e stile di vita delle persone. La percezione delle attività motorie, come valore che comprende la cura del corpo, lo stare in forma e sentirsi bene, ha portato ad un bisogno collettivo di strutture organizzate dove praticare esercizi fisici. Si è passati così dalle palestre a gestione familiare ai centri fitness, intese come imprese economiche che producono servizi. Questi centri sviluppano l’attività fisica in modo professionale e imprenditoriale, grazie alla presenza di operatori specializzati e soprattutto attenti nel dare soluzioni personalizzate, in base alle diverse esigenze dei clienti.
L’Europa detiene il primato mondiali dei praticanti, sono circa 56 milioni gli iscritti nei centri fitness. Il record europeo è tedesco, con quasi 10 milioni di appassionati su una popolazione di poco più di 80 milioni di persone. Le strutture fitness attive sono ben 9000 in tutta la nazione.
Il secondo posto è italiano con un 10%-15% della popolazione che pratica fitness. La fetta più importante della popolazione è rappresentata da ragazzi di 18-25 anni di età e con all’aumentare degli anni decresce.
Il numero totale dei centri fitness in Italia è di 8000, un numero veramente elevato se rapportato alla popolazione del paese.

Il fitness e il benessere in Italia

Un’analisi sugli italiani e l’attività fisica volta al benessere è stata realizzata in occasione dell’ultima Fiera del Fitness di Rimini. Tra palestre, piscine, centri termali, Spa e servizi di estetica il giro d’affari si stima abbia raggiunto un giro di affari superiore ai 10 miliardi di euro l’anno.
Negli ultimi cinque anni, dal 2013 ai 2018, le imprese italiane di questo settore sono aumentate del 4%, con picchi del 45% per i servizi di manicure e pedicure, del 15% per gli istituti di bellezza e del 12% per palestre.

Chi va nei centri fitness?

La fascia più ampia degli utenti dei centri fitness è quella che va dai 18 ai 25 anni con un 32% di quota del mercato, seguita da quella tra i 26 e i 35 anni con un 27% e da quella tra i 36 e i 45 anni con il 21%. Più si alza l’età più c’è una decrescita degli utenti, infatti nella fascia che va dai 46 ai 55 anni troviamo una percentuale del 14% sino a scendere tra i 56 e i 65 anni al 6%.
Insomma se dovessimo profilare il target: con maggior peso questo sarebbe composto da giovani, in prevalenza donne e ubicato soprattutto al nord Italia con una percentuale del 56%.

Il futuro del Fitness

Il mondo del Fitness è in una costante evoluzione, i centri si stanno adattando, quasi in tempo reale, alle nuove richieste del mercato: nuove strutture, nuovi design e una moltitudine di servizi accessori. In contemporanea stanno entrando sempre più nel mercato del fitness le grandi multinazionali, che piano piano si diffondono su tutto il territorio nazionale, allargando il loro raggio d’azione e facendo sparire le piccole strutture incapaci di stare al passo con i tempi. Un fenomeno in crescita è quello delle palestre aziendali e multiaziendali; in Italia finora ne sono state allestite un centinaio mentre in Europa si è arrivati ad un numero di seicento. Queste tipologie di centri puntano fortemente sia al benessere fisico che a quello mentale.
Il vero futuro del fitness è da ricercare da un’altra parte però, nel live streaming, nella nuova tecnologia del FlitFit. Dalla home page di un sito qualsiasi appassionato di fitness potrà connettersi nell’archivio delle lezioni trasmesse in streaming dalle palestre ed esercitarsi. Basterà registrarsi per cercare e scegliere le lezioni preferite e seguirle da casa propria, con la sicurezza che si tratta di corsi professionali. Il FlitFit è pertanto la nuova frontiera che non si pone come alternativa ai centri fitness tradizionali.