Gruppi d'acquisto: l'unione fa il risparmio
Risparmiare

Gruppi d'acquisto: l'unione fa il risparmio

Prezzi convenienti, consumo responsabile. Ecco i due grandi vantaggi dei Gruppi d’Acquisto: la nuova frontiera del commercio.
Data
24.11.2020

Nati nella metà degli anni ‘90, i Gruppi di Acquisto Solidale si stanno sempre più diffondendo: consumatori che si uniscono per acquistare prodotti alimentari direttamente dai produttori locali, bypassando i classici intermediari che fanno lievitare il prezzo. Una soluzione intelligente per risparmiare e valorizzare le produzioni del territorio. Sì perché, oltre al vantaggio economico, i cosiddetti GAS si formano per dare vita a un modello di consumo più equo, solidale e sostenibile, acquistando prodotti genuini, da agricoltura biologica e a KM zero.

TAGLIA LA FILIERA, TAGLIA I PREZZI

Meno intermediari ci sono fra il produttore e il consumatore, più basso sarà il prezzo del prodotto. Con i Gruppi d’Acquisto si risparmia proprio perché ci si rivolge direttamente al produttore, sfruttando una filiera corta, anzi cortissima. Ma c’è di più: acquistando in gruppo grossi quantitativi di merce, cresce anche il potere d’acquisto che si può esercitare sul produttore, che è molto maggiore rispetto a quello del singolo consumatore. Ma quanto si risparmia esattamente? A parità di qualità, la percentuale varia dal 20 al 50%. Non male, vero?

UNA TENDENZA IN CRESCITA

Il Sole 24 Ore afferma che sono ben 6 milioni gli italiani che fanno parte di Gruppi d’Acquisto. Un aumento registrato anche dalle indagini SWG che evidenziano come, rispetto al 2018, le persone che fanno la spesa tramite i GAS sono aumentate in percentuale dal 10% al 12,3%.

Una tendenza figlia di una maggiore attenzione al consumo responsabile da parte di tutti noi: nell’ultimo ventennio, il fenomeno è infatti aumentato del 219%. La conferma arriva anche dall’ultimo Rapporto Coop, dal quale emerge che un italiano su due aumenterà la spesa in cibo locale, più controllato e genuino.

NON SOLO ALIMENTARI

Esistono dei Gruppi d’Acquisto che permettono di risparmiare anche su servizi essenziali come forniture di gas, luce e beni non alimentari. Per quanto riguarda l’energia ad esempio, alcune associazioni dei consumatori hanno formato dei Gruppi d’Acquisto che permettono di tagliare le bollette del 10-15% sul gas e fino al 25% sull’elettricità. Una riduzione che si traduce in un risparmio medio tra i 120 e i 400 euro l’anno, come conferma Konsumer Italia.

Ma le possibilità sono infinite: tramite i Gruppi d’Acquisto è possibile acquistare anche automobili ibride, risparmiando in media il 30% sul prezzo di listino.

IL POTERE DEL DIGITALE

Normalmente i membri dei Gruppi d’Acquisto si ritrovano di persona per stabilire l’elenco dei prodotti da acquistare, dei produttori da coinvolgere, per fare concretamente la spesa e per poi distribuirla. Si potrebbe quindi pensare che il particolare periodo che stiamo vivendo possa rallentare l’adesione ai Gruppi d’Acquisto. Il digitale ha invece capovolto la situazione: grazie alle bacheche social e ai gruppi di messaggistica, sono aumentate le richieste di partecipazione da parte di cittadini e produttori, che hanno attivato inoltre nuove forme di distribuzione come la consegna a domicilio.

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo