Buone abitudini per ridurre la Co2
Investimento ambiente

Buone abitudini per ridurre la Co2

Ogni giorno ci sono tante piccole cose che puoi fare per ridurre le tue emissioni di co2 e dare il tuo contributo all’ambiente. Scoprine qualcuna leggendo l’articolo.
Data
10.01.2020

Secondo una recente indagine svolta da Euromedia Research, Anci e Politecnico di Milano, in Italia quasi l’80% dei cittadini si dichiara consapevole degli effetti del cambiamento climatico ed il 55,9% degli intervistati ha dichiarato di aver adottato accorgimenti per ridurre le proprie emissioni di CO2.

Lo studio, svolto tra giugno e luglio 2019 su un campione di 2 mila cittadini italiani, mostra quanto il tema sia ritenuto importante. Per comprendere come determinate abitudini possano influire sulle emissioni di ciascuno di noi (e anche per poter eventualmente prendere spunto), ecco una stima del risparmio di CO2 che si può ottenere adottando alcuni semplici comportamenti.

INQUINARE MENO CON L’AUTO

Un’automobile in buone condizioni inquina meno di una che necessita di manutenzione. Per esempio una piccola accortezza come quella di tenere gli pneumatici correttamente gonfiati può far risparmiare tra i 180 e i 300 Kg di CO2.

Inoltre, anche tenere una guida meno aggressiva è una fonte di risparmio. Secondo il Carbon Fund, chi viaggia spesso potrebbe risparmiare più di una tonnellata di CO2 ogni anno.  Basterebbe accelerare lentamente e senza scatti, rispettare i limiti di velocità e mantenere quest’ultima il più costante possibile.

ILLUMINARE SENZA SPRECHI

Sostituire anche solo tre lampadine a incandescenza con lampadine fluorescenti compatte a risparmio energetico, può far risparmiare circa 130 Kg di CO2 in un anno.

Inoltre, le lampadine fluorescenti in genere durano più a lungo di quelle tradizionali, determinando un risparmio nel lungo periodo.

MANGIARE MENO CARNE ROSSA

Il consumo totale di carne nel mondo è quasi quadruplicato dagli anni ’60 ad oggi e secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), gli allevamenti contribuiscono a circa il 14,5% delle emissioni di gas serra causate dall'attività umana. Inevitabile che, per farla semplice, chi mangia meno carne contribuisce ad emettere meno CO2.

Tuttavia mangiare carne rossa ha un impatto ambientale maggiore rispetto ad altri tipi di carne. Secondo il Washington Post, infatti, sostituire carne di pollo a quella bovina anche solo una volta alla settimana, potrebbe ridurre le emissioni di CO2 di una persona di 270 chilogrammi all'anno.

SCALDARE ED ISOLARE

Laddove possibile, abbassare la temperatura della propria caldaia può dare ottimi risultati in termini di risparmio di CO2. Per dare un’idea, passare dai 60° ai 50° potrebbe far risparmiare circa 250 Kg di CO2 in un anno.

Una soluzione simile è indicata se la casa in cui si vive è correttamente isolata ed in grado di garantire un migliore isolamento ed una maggiore conservazione del calore, oltre ad un notevole risparmio economico nel lungo periodo.

LAVARE IN MODO EFFICIENTE

Che si tratti di lavastoviglie o lavatrice, un corretto utilizzo di questi elettrodomestici può avere un impatto non trascurabile. Per esempio, assicurandosi di far funzionare la lavastoviglie solo quando è a pieno carico, secondo l'EPA (l’Agenzia dell’Ambiente del governo USA) è possibile ridurre le proprie emissioni di CO2 di circa 50 Kg all'anno.

Inoltre, per quanto riguarda il lavaggio dei vestiti, secondo il New York Times, circa il 75% dell'energia utilizzata dalla lavatrice serve a riscaldare l'acqua. Per l’ambiente è quindi preferibile lavare i vestiti in acqua fredda. Nell’ipotesi di fare sette carichi di biancheria a settimana in acqua fredda, secondo l'EPA, è possibile ridurre di 100 Kg all'anno le proprie emissioni di CO2.

IN CONCLUSIONE

In generale non è necessario adottare in toto ciascuna di queste abitudini, ma tenerle presente per modificare almeno in parte le proprie è sicuramente un modo valido per dare il proprio contributo alla lotta ai cambiamenti climatici.

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo