Tre nuovi servizi utili dal mondo del fintech
Fintech

Tre nuovi servizi utili dal mondo del fintech

Le novità del settore per chi vuole ristrutturare casa gratis, monetizzare le fatture non saldate e pagare tutto a rate.
Data
03.12.2020

Pochi settori sono al passo con i tempi e veloci a rinnovarsi come il fintech, ed è per questo che diverse aziende hanno sviluppato e portato anche nel mercato italiano servizi particolarmente adatti ai mesi che stiamo vivendo. Ne abbiamo scelti tre lanciati da poco.

Ecobonus 110% più facile e conveniente

Dalla scorsa estate è possibile ristrutturare casa con una detrazione del 110%, a patto che gli interventi migliorino in modo tangibile l’efficienza energetica dell’immobile. Una misura inserita in un decreto per rilanciare l’economia durante la pandemia, che permette a chi aveva in mente di fare dei lavori in casa di farli non solo gratis, ma guadagnando, grazie a uno sconto fiscale superiore alla spesa affrontata. 

Non tutti però pagano abbastanza tasse da poter detrarre alcune decine di migliaia di euro di ristrutturazioni in cinque anni, ed è qui che è entrato in campo Crif, insieme a Workinvoice e PwC, lanciando il primo mercato digitale dei bonus. In questo modo chi utilizza l’ecobonus 110% potrà vendere lo sgravio fiscale di cui non riuscirebbe a usufruire ad un altro soggetto che lo può utilizzare per ridurre il proprio carico fiscale. Una soluzione che consentirà di sfruttare al meglio l’agevolazione prevista dal Dl Rilancio coniugando l’esigenza di liquidità del venditore con un possibile risparmio fiscale a beneficio del soggetto acquirente.

I regali a rate

A ottobre è sbarcata in Italia Klarna, la più grande azienda fintech europea e la quarta più grande al mondo. Il gigante svedese ha un motto: una scorciatoia per lo shopping. Il servizio che offre è infatti la rateizzazione in 3 rate dei pagamenti degli acquisti che vengono effettuati verso i circa 200mila merchant del mondo, compresi H&M, Sephora, Michael Kors e molti altri.

Un servizio utile per le famiglie che devono fare acquisti di ogni genere, soprattutto in vista del Natale, ma che hanno la necessità o il desiderio di pagare con maggiore flessibilità i loro acquisti. La funzionalità di rateazione dei pagamenti online (che presto potrebbe essere estesa anche agli acquisti in negozio) ha già portato Klarna a conquistare 90 milioni di utenti nel mondo, con una presenza in Stati Uniti, Regno Unito e soprattutto Svezia e Germania.

Come vendere una fattura non pagata

Sempre l’italiana Workinvoice, insieme a Passpartout, ha lanciato l’anticipo fatture integrato nel software gestionale. Le aziende potranno avere quindi a portata di mano un mercato digitale che permette di cedere una fattura non pagata (e non scaduta) e ottenere liquidità immediata. 

Scegliendo dal proprio gestionale quali fatture cedere è possibile ottenere il 90% dell’importo del credito in sole 48 ore dall’operazione, senza aprire un conto corrente, senza garanzie e attraverso una semplice procedura guidata online. Un servizio pensato soprattutto per una fase in cui le aziende hanno bisogno di ridurre i rischi, ma anche di ottenere risorse immediate al fine di rinnovarsi in un mercato che, complice la pandemia, cambia velocemente.

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo