La rivoluzione del “tutto a rate” è già iniziata
Fintech

La rivoluzione del “tutto a rate” è già iniziata

Nel 2020 sono cresciuti in Italia e nel mondo i servizi e le startup per ritardare i pagamenti e pagare anche piccoli acquisti in tre, quattro o più rate senza commissioni: è il Buy Now Pay Later.
Data
29.04.2021

Nel mondo del fintech il 2020 è stato anche l’anno del Buy Now Pay Later, ovvero lo sviluppo di servizi di micro rateizzazione degli acquisti. Una moda che arriva dagli Stati Uniti, dove l’utilizzo delle carte di credito e dei pagamenti dilazionati è un’abitudine, più di quanto non lo sia in Europa e in Italia. Ma anche nel nostro Paese stanno sbarcando servizi di Buy Now Pay Later (abbreviato BNPL), come la svedese Klarna, gigante europeo del fintech che ha aperto in Italia nel 2020 col suo servizio di pagamenti in tre rate.

Come funziona

I principi di base del servizio sono semplici: utilizzando metodi di pagamento BNPL si può scegliere di pagare a rate, solitamente senza interessi o costi per l’acquirente, spalmando il pagamento in alcune settimane o, in certi casi, anche negli anni. Alcuni abbinano questo servizio a ulteriori incentivi, come sconti in negozi convenzionati o concorsi a premi. Un business che è stato stimolato anche dall’aumento degli acquisti realizzati online nell’ultimo anno. Nei primi 9 mesi del 2020, riporta il Wall Street Journal, il volume di pagamenti in BNPL è cresciuto del 50% e si stima che continuerà a farlo.

Più economico per i compratori, conveniente per i venditori

Perchè utilizzare il Buy Now Pay Later? Secondo i dati raccolti nel 2020 dall’azienda finanziaria The Motley Fool, intervistando direttamente chi fa ricorso a servizi di BNPL, la prima motivazione è evitare gli interessi sui pagamenti con le carte di credito (39%) e il 38% lo utilizza per fare acquisti che altrimenti non farebbe. La scommessa del BNPL è infatti stimolare acquisti che altrimenti non avverrebbero, rendendo più flessibile il pagamento. Per questo motivo il modello di business della maggior parte di queste aziende si basa non sugli interessi che paga il compratore (spesso sono zero) ma su una piccola commissione che paga il venditore

I protagonisti del BNPL in Italia e non solo

Fra i servizi disponibili in Italia c’è la già citata Klarna, che permette di dividere il pagamento in tre rate di pari entità per gli acquisti in negozi convenzionati: la prima al momento dell’acquisto, la seconda dopo 30 giorni e la terza dopo 60 giorni. Lo stesso servizio nelle stesse modalità (tre rate in 60 giorni) viene offerto da Scalapay, startup italiana fondata nel 2019 e già sbarcata in diversi mercati europei. L’offerta è destinata ad aumentare nei prossimi anni con nuovi servizi già disponibili all’estero. Ad esempio, negli Stati Uniti è già disponibile il servizio Pay in 4 di PayPal o Affirm, fra i servizi di BNPL più utilizzati a livello internazionale. Altri servizi simili sono in arrivo, magari sviluppati dalle principali aziende di pagamenti e credito internazionali, interessate a investire in questo business in crescita.

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo