Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
16 aprile 2019
Condividi su
La notizia della settimana
Nuovi trattati sui dazi

Focus: nuovi trattati sui dazi tra Unione Europea e Stati Uniti

Ieri a Bruxelles i ventotto Paesi membri dell’Unione Europea hanno dato mandato ufficiale alla Commissione Europea di negoziare un nuovo accordo commerciale nel settore industriale con gli Stati Uniti.
Dopo mesi di grande incertezza sembra arrivare uno spiraglio di luce: un segnale concreto di coesione fra i Paesi europei nel gestire insieme la spinosa trattativa commerciale con gli USA.
Il parere a questo mandato non è stato favorevole da parte di tutti gli Stati. La Francia infatti, preoccupata per il fatto che trovare un accordo di libero scambio a ridosso delle imminenti elezioni europee avrebbe potuto scontentare l’opinione pubblica, ha dato voto negativo e il Belgio si è astenuto.
Inoltre la commissaria europea al commercio Cecilia Malmström, però ha subito precisato in una nota: “Ne devo parlare con il mio omologo Robert Lighthizer, non sappiamo ancora quando inizieranno le trattative, se prima o dopo le elezioni europee”

Una tregua tanto attesa

Era da molto che si auspicava un passo concreto verso il raggiungimento di un accordo, ma prima di ieri non si erano mai verificate le premesse. Negli ultimi giorni infatti, con le minacce di Donald Trump di imporre ben 11 miliardi di dollari di dazi all’Europa e la veloce contromossa da parte dei paesi europei di stilare una lista di merci statunitensi da sottoporre a dure restrizioni con un impatto potenziale di 20 miliardi di euro, la tensione fra Ue e Usa era cresciuta alle stelle. Un botta e risposta che avrebbe potuto condurre a gravi conseguenze per l’economia delle due superpotenze.
Al momento nelle mani della Commissione Europea c’è l’opportunità di trovare un accordo in grado di soddisfare entrambe le parti. In particolare saranno due gli accordi da negoziare: da una parte l’intesa commerciale sull’eliminazione delle tariffe sui beni industriali, escludendo i prodotti agricoli; dall’altra il tentativo di un accordo sulla valutazione di conformità con l’obiettivo di rimuovere le barriere non tariffarie, rendendo così più facile per le imprese la dimostrazione del rispetto dei requisiti tecnici sia nell’Ue che negli Usa.

Un accordo sempre più vicino anche fra Usa e Cina

Buone notizie anche sul fronte Usa e Cina, dove un accordo commerciale è sempre più alle porte.
La scorsa settimana il segretario americano del TesoroSteven Mnuchin, aveva dichiarato: “la Cina e gli Stati Uniti sono sempre più vicini a un accordo. Per definirlo mancano ormai pochi dettagli. I dazi punitivi che le due nazioni hanno imposto l’un l’altra potrebbero essere dunque definitivamente revocati.”
Notizie importanti per favorire la ripresa dei mercati finanziari che ieri, incoraggiati anche dal crescente ottimismo sulle trimestrali societarie Usa, hanno fatto subito registrare buoni risultati.

Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo