06
marzo
2020
Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
06 marzo 2020
Condividi su
La notizia della settimana
Emergenza economica italiana

Focus: nuove previsioni sull’emergenza economica italiana

Il problema coronavirus continua a dominare le notizie e la situazione per lo stato di salute delle aziende italiane si aggrava. I dati che provengono da diverse fonti autorevoli (OCSE, Banca d’Italia, Prometeia, REF Ricerche) raccontano più o meno la stessa cosa: uno scenario che cambia di giorno in giorno e tutte le stime degli indicatori economici sono al ribasso.

Le previsioni del Pil italiano per il 2020 sono tutte calate: 0,0% secondo l’OCSE, -0,2% per Banca d’Italia e -0,3% per Prometeia. L’effetto del Coronavirus sull’economia italiana riflette in primo luogo la geografia dell’epidemia. Le regioni più compite sono quelle delle aree più produttive del Paese. La Lombardia vale il 22,1% del PIL italiano, il Veneto il 9,2%, l’Emilia-Romagna il 9,2%, il Piemonte il 7,8%, il Trentino Alto-Adige il 2,6%, Liguria 2,8%. In totale più del 50% del valore prodotto in Italia.

Al momento i settori maggiormente colpiti sono i servizi, soprattutto turismo e trasporti, ma anche attività commerciali, di alloggio, ristorazione, convegnistica e fiere. Anche se l’epidemia rientrasse velocemente, i servizi rimarrebbero fortemente penalizzati per una prospettiva di medio lungo termine.

A preoccupare non è solo lo scenario italiano, ma anche quello mondiale. Se gli effetti del Covid-19 svanissero gradualmente nei prossimi due o tre mesi, il Pil mondiale dovrebbe crescere solo del +2,4% quest’anno, il valore più basso dal 2009. La perdita di prodotto dell’anno in corso verrebbe recuperata già nel 2021. Se al contrario l’epidemia dovesse protrarsi, il crollo sarebbe di entità maggiore. L’OCSE calcola che il Pil mondiale potrebbe crescere di appena il +1,4% nel 2020 con una perdita di prodotto strutturale. Infine, da non sottovalutare la reazione dei mercati finanziari. Questo perchè, sebbene la crisi spinga i tassi di interesse verso il basso, lo spread tra BTP e Bund tenderà a risalire.

Weekly highlights
Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo