09
luglio
2021
Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
09 luglio 2021
Condividi su
La notizia della settimana
Mercati turbolenti in tutta Europa

Focus: Mercati turbolenti in tutta Europa

I mercati finanziari questa settimana sono stati turbolenti e a metterli sotto pressione è sicuramente stata da un lato la variante Delta del Covid che si fa sempre più minacciosa e dall’altra l’annuncio di un cambio di strategia nella politica monetaria della Bce.

La variante Delta purtroppo inizia a preoccupare seriamente. Nel Regno Unito si è addirittura registrato un aumento del 71% raggiungendo il livello più alto dall’inizio di febbraio. Nella settimana del 30 giugno le persone risultate positive sono state ben 135.685. Gli scienziati sono insorti immediatamente e tramite una lettera pubblica su The Lancet, hanno invocato il Primo Ministro, Boris Johnson, per impedire le riaperture decise dal Governo.

La variante è già presente in ben 104 Paesi e ora più che mai si avvicina lo spettro di futuri lock down.

Ad agitare i mercati finanziari questa settimana ci ha pensato anche la Bce con l’annuncio di futuri cambiamenti in politica monetaria. La variazione più significativa riguarda la modifica dell’obiettivo di inflazione quantificato ora in un 2% sul medio termine. Finora, l’indicazione era stata quella di puntare a una “inflazione inferiore, ma vicina al 2% sul medio termine”.

Per la Bce, questa modifica è da ritenersi indispensabile “perché quando l’economia opera vicino al minimo dei tassi nominali, la necessità di persistenti misure monetarie volte a evitare deviazioni al ribasso possono anche implicare periodi transitori in cui l’inflazione è moderatamente sopra il target”.

Nella nuova strategia Bce rimangono però ancora disponibili tutti gli strumenti “non convenzionali” di politica monetaria, come ad esempio i piani di acquisti di titoli, che saranno utilizzati nel caso fossero necessari.

Infine un ultimo cambiamento prevede che nella valutazione sulla stabilità dei prezzi saranno inseriti anche i costi dell’immobiliare residenziale.

Tutti questi cambiamenti entreranno in vigore ufficialmente dal prossimo 22 luglio. Christine Lagarde, Presidente della Bce, si è detta soddisfatta da questa scelta e ha dichiarato che “la nuova strategia è una solida base che guiderà la Bce nella conduzione della politica monetaria negli anni a venire; il nuovo obiettivo di inflazione al 2% non darà più adito a fraintendimenti come prevedeva la precedente formulazione e rimuove così qualsiasi ambiguità.”

A farne le spese al momento sono stati i listini azionari i quali hanno reagito male all’annuncio e hanno fatto registrare pesanti perdite: Piazza Affari -3%.

 

 

Weekly highlights
Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo