28
febbraio
2020
Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
28 febbraio 2020
Condividi su
La notizia della settimana
Italia al tempo del Coronavirus

Focus: Italia al tempo del Coronavirus

Il coronavirus purtroppo si è abbattuto sull’Italia causando una vera e propria emergenza per l’economia del Paese. La situazione è gravissima: turismo, aziende, ristoranti, bar, esercizi pubblici, vendite al dettaglio sono messe a dura prova. I provvedimenti restrittivi per contenere il contagio hanno creato fra la gente una vera e propria psicosi causando uno stallo del sistema economico.

Fioccano le disdette di turisti: Venezia perde il 40%, Milano il 30% e la Riviera romagnola più del 60% delle prenotazioni. Il turismo, generando il 12% del Pil con un giro d’affari di 146 miliardi di euro, è un motore fondamentale della nostra economia. La situazione è talmente grave che si temono fortissime ricadute non solo sulle settimane bianche e sulla Pasqua, ma anche sulla prossima stagione estiva.

Milano ha dovuto posticipare a giugno il Salone del Mobile che rappresenta la principale manifestazione fieristica della città. Il rinvio, che purtroppo era una scelta obbligata, ha creato un danno economico stimato sui 120 milioni di euro.

Nemmeno dal fronte degli esercizi pubblici arrivano buone notizie. Confesercenti prevede che per il commercio al dettaglio il danno ammonterà a circa mezzo miliardo di euro. In questa settimana i fatturati dei negozi nelle aree colpite dal virus sono crollati del 70-80%.

Infine, anche dal mondo delle imprese le ripercussioni negative sono innumerevoli. Confindustria ha organizzato immediatamente una task force per dare un supporto concreto agli imprenditori per sopravvivere all’effetto del coronavirus. Gli industriali dal canto loro stanno richiedendo allo Stato delle decisioni efficaci e condivise per il sostegno alle attività produttive.

In definitiva, il contraccolpo che l’Italia subirà a causa del virus sarà enorme. Si parla di una contrazione del Pil tra lo 0,5% e l’1%. I mercati finanziari viaggiano in acque agitate. Piazza Affari sta vivendo delle sedute con fortissime oscillazioni che stanno contagiando anche gli altri listini mondiali e gli investitori, non esistendo ancora prospettive concrete sul termine dell’epidemia, sono molto inquieti.

Il consiglio generale è senza dubbio quello di mantenere la calma e non farsi prendere dal panico.

Weekly highlights
Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo