30
luglio
2021
Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
30 luglio 2021
Condividi su
La notizia della settimana
Il business farmaceutico sempre più in crescita

Focus: Il business farmaceutico sempre più in crescita

Non poteva essere diversamente, la pandemia ha condizionato in modo significativo l’uso dei farmaci nel corso dell’ultimo anno. Dal recente rapporto Aifa-Osmed sull’uso dei farmaci in Italia si evince chiaramente come è andato il consumo di medicinali e la relativa spesa nel nostro Paese.

E’ interessante osservare come a seconda dell’aumento dei contagi, e quindi dalla conseguente crescita dei ricoveri in terapia intensiva, ci sia stata un’impennata dell’utilizzo di particolari farmaci. A marzo e aprile 2020, durante il primo lock down, l’utilizzo di preparati per la cura dei pazienti critici è aumentato del 91% rispetto l’anno precedente, mentre a novembre e dicembre, nella seconda ondata, l’incremento è balzato addirittura al 120%.

In particolare c’è stato un aumento sensibile del consumo di ossigeno che ha rappresento il 58% della spesa e l’83% dei consumi totali riguardanti i farmaci per le terapie intensive. Altri farmaci che hanno fatto registrare un’impennata dei consumi sono stati: i curari +181,2%, l’acido ascorbico +102,7%,gli ipnotici e sedativi + 83% e gli anestetici generali + 54,6%.

Sono numeri che non stupiscono, ma che fanno capire molto bene quale impatto abbia avuto la pandemia sul sistema sanitario nazionale. Il Covid ha stravolto completamente gli standard a cui si era abituati e ha messo in seria difficoltà tutta la filiera produttiva dei farmaci.

Ora l’altra partita che si sta giocando è quella dei vaccini, in cui le aziende farmaceutiche stanno lavorando a ciclo continuo per far fronte alla continua crescita della domanda.

Nella trimestrale sull’andamento del business appena pubblicata da Pfizer, si rileva che l’azienda ha venduto ben 7,8 miliardi di dollari in iniezioni contro il Covid e prevede un aumento della distribuzione del vaccino nel 2021 per un valore di 33,5 miliardi di dollari rispetto ai 26 miliardi di dollari che erano stati stimati a inizio anno. La rapida diffusione della variante Delta sta convincendo gli scienziati che le persone avranno bisogno anche di un ulteriore dose di richiamo.

Dai risultati finanziari della big del pharma americana emerge anche un dato interessante che le vendite delle sue attività, escludendo l’impatto del vaccino, sono aumentate del 10%. In particolare, il settore ospedaliero ha generato ricavi per 2,2 miliardi di dollari (+21%), l’unità medicina interna è cresciuta del 5% con un fatturato pari a 2,4 miliardi di dollari e l’unità oncologica è balzata a 3,1 miliardi di dollari con un incremento del 19%.

In generale tutte le società farmaceutiche impegnate nello sviluppo dei vaccini stanno facendo registrare dei risultati economici molto positivi. La pandemia risulta essere al momento un fattore ancora fortemente caratterizzante per l’intero comparto e a beneficiarne saranno sicuramente gli investitori.

 

 

Weekly highlights
Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo