27
marzo
2020
Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
27 marzo 2020
Condividi su
La notizia della settimana
I consigli di Mario Draghi

Focus: i consigli di Mario Draghi

In questi giorni in cui l’economia mondiale è sempre più fragile, si fa sentire la voce autorevole dell’ex Presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, che senza giri di parole spiega così la situazione che stiamo vivendo: “È una guerra e ci dobbiamo muovere di conseguenza. Bisogna agire con sufficiente forza e velocità per prevenire che una recessione si trasformi in una prolungata depressione, resa ancora peggiore da una pletora di default che lasceranno danni irreversibili”

Nella sua analisi, pubblicata sul Financial Times, sottolinea che per risollevare l’economia bisognerà in ogni caso aumentare il debito pubblico perché sarà ingente la perdita di reddito del settore privato. I Governi si dovranno fare carico di questo fardello e un livello più alto di indebitamento pubblico rappresenterà una caratteristica permanente delle nostre economie.

“Di fronte a circostanze non previste un cambio di mentalità è necessario in questa crisi come lo sarebbe in tempi di guerra. Lo shock che ci troviamo ad affrontare non è ciclico. La perdita di reddito non è colpa di chi la soffre. Il costo dell’esitazione potrebbe essere irreversibile”

Il messaggio è molto chiaro: non c’è tempo da perdere, è il momento di agire. Un monito forte nei confronti dei Governi che forse si trovano di fronte alla più importante sfida dal dopoguerra a oggi. Servono scelte coraggiose e tempestive che non permettano un tracollo definitivo dell’economia.

Uno degli obiettivi principali sarà quello di salvaguardare il posto di lavoro alle persone altrimenti le famiglie faranno fatica a ritrovare un equilibrio finanziario. Per fare questo, a detta di Draghi, sarà sufficiente rinviare il pagamento delle tasse, immettere liquidità nel sistema prestando denaro a costo zero alle imprese ed elevare di conseguenza l’indebitamento pubblico.

Secondo Draghi, l’Europa avendo una struttura finanziaria capace di far confluire fondi in ogni parte dell’economia e un forte settore pubblico in grado di coordinare una risposta rapida, è ben equipaggiata per affrontare tutto questo.

Questa è la ricetta che Mario Draghi propone a tutti gli stati della Comunità europea.

Weekly highlights
Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo