Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
03 giugno 2019
Condividi su
La notizia della settimana
Focus: la caduta del petrolio

Focus: la caduta del petrolio

Il prezzo del brent è crollato a 62 dollari al barile a causa della minaccia dei dazi contro il Messico annunciati recentemente da Donald Trump. Si archivia così un mese di maggio veramente pessimo per il petrolio che perde complessivamente più del 10%, classificandosi come il peggior mese dallo scorso novembre.
A preoccupare non è solo la guerra dei dazi, ma un pessimismo diffuso per la crescita globale. Un sentimento che sta danneggiando anche i listini azionari e il mercato delle altre materie prime. Uno fra tanti il rame con una quotazione ai minimi da inizio gennaio.

Messico: un rebus complesso da risolvere

La situazione messicana è alquanto complicata. Gli Stati Uniti hanno annunciato dazi del 5% su tutti i beni importati negli Usa dal Messico a partire dal prossimo 10 giugno. Dazi che saliranno ulteriormente finché non sarà fermata l’immigrazione clandestina. Queste tensioni potrebbero anche avere effetti rialzisti sul petrolio. I raffinatori Usa importano dal Messico circa 680 mila barili al giorno di greggio di qualità pesante difficilmente reperibile dato che le forniture venezuelane attualmente sono bloccate dalle sanzioni.
Washington però rischia dure ritorsioni da parte del Messico che potrebbe intervenire sulle importazioni di benzina. Attualmente sono importati 1,2 milioni di barili al giorno pari al 22% dell’export totale statunitense per un valore di 30,5 miliardi di dollari.

Si punta tutto sull’oro

In questo periodo mentre tutte le materie prime sono soggette a continui ribassi, l’oro continua la sua scalata beneficiando del suo ruolo di bene rifugio. Il prezzo sta raggiungendo la soglia psicologica dei 1.300 dollari l’oncia, facendo presagire un trend rialzista. Altro fattore a sostegno del lingotto la debolezza delle piazze azionarie globali che nel mese di maggio hanno fatto registrare la peggiore performance da dicembre 2018.

Weekly highlights
Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio