21
maggio
2021
Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
21 maggio 2021
Condividi su
La notizia della settimana
Elon Musk e la Cina affossano le criptovalute

Focus: Elon Musk e la Cina affossano le criptovalute

È sicuramente stata una settimana molto difficile per il mondo delle criptovalute travolte dalle vendite a causa di una serie di notizie che hanno destabilizzato gli investitori.

Il primo shock è stato causato dal dietrofront di Elon Musk che ha annunciato che Tesla non accetterà più pagamenti in Bitcoin per l’acquisto delle sue automobili.

Siamo preoccupati per il rapido aumento dell'uso di combustibili fossili per l'estrazione e le transazioni di Bitcoin, in particolare di carbone, che ha le peggiori emissioni di qualsiasi combustibile. La criptovaluta è una buona idea a molti livelli e crediamo che abbia un futuro promettente, ma questo non può avere un costo per l'ambiente" così si è pronunciato il Ceo di Tesla. Musk ha chiarito anche che non venderà i Bitcoin in suo possesso acquistati poco tempo fa. Quella operazione era finalizzata a ricercare un luogo in cui conservare della liquidità di denaro e per guadagnare un rendimento.

La seconda notizia che ha fatto crollare il mercato è stata quella relativa al giro di vite della Cina che ha vietato alle istituzioni finanziarie di fornire servizi finanziari legati alle transazioni in criptovalute.

Tre associazioni: la China Internet Finance Association, la China Banking Association e la China Payment and Clearing Association hanno evidenziato quanto le criptovalute siano troppo soggette ad attività di trading speculativo e rappresentino così un vero e proprio pericolo per le persone.

Le istituzioni finanziarie cinesi, quindi, non dovranno più utilizzare le monete elettroniche e non dovranno fornire ai clienti direttamente o indirettamente altri servizi relativi alle valute virtuali.

Tutto questo ha completamente destabilizzato il mercato delle criptovalute che ha virato in segno negativo in modo deciso. Il Bitcoin, la moneta elettronica per eccellenza, una volta sfondata lo soglia psicologica dei 40.000 dollari, è crollata toccando per un momento la quotazione dei 24.000 dollari. Dopo avere toccato una perdita di più del 30% il Bitcoin è riuscito timidamente a recuperare terreno, ma le perdite sono state comunque superiori al 10%. Peggio è andata per molte altre criptovalute di entità minore che hanno subito perdite ancor più pesanti lasciando sul campo tra il 40% e il 50% del loro valore.

Nonostante la volatilità delle criptovalute sia in questi giorni alle stelle, molti analisti sono convinti che sia un mercato ancora in forte rialzo. La consequenzialità delle dichiarazioni di Elon Musk e del Governo cinese hanno provocato la cosiddetta tempesta perfetta, ma c’è la convinzione che sia una condizione passeggera e che ben presto lascerà il posto ad una nuova fase di crescita.

 

Weekly highlights
Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo