22
novembre
2019
Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
22 novembre 2019
Condividi su
La notizia della settimana
Bolla Hi-tech in agguato

Focus: bolla hi-tech in agguato

Alcune testate giornalistiche finanziarie lanciano i primi segnali di preoccupazione per il possibile scoppio di una bolla nell’hi-tech a Wall Street. La Borsa americana è infatti ai massimi di tutti i tempi e in molti iniziano a domandarsi se, dopo un anno straordinario come quello che si sta per chiudere con gran parte dei listini in progressione tra il 20 e il 30%, ci si potrà aspettare un altro anno così positivo.

Fa riflettere il fatto che la capitalizzazione dei due colossi Apple e Microsoft vale circa 2,23 trilioni di dollari ed è superiore al valore di mercato di tutte le aziende quotate in Germania che ammonta a circa 2,18 trilioni di dollari. Un dato che potrebbe far intuire che c’è qualcosa che non va. C’è da notare però che al momento i pareri degli analisti sono discordanti. Per alcuni i titoli sono sopravvalutati, per altri addirittura sottovalutati.

In linea di massima però tutti sono concordi nel mantenere un profilo prudente. Il ciclo economico espansivo degli Stati Uniti dura da 10 anni, mentre in precedenza la media non superava gli otto anni.

Il fattore più preoccupante è la disparità significativa tra andamento delle Borse e valore reale di alcune società.

In particolare, l’information technology, i consumi di prima necessità e i consumi discrezionali (come auto ed elettrodomestici) sono i tre settori che a Wall Street mostrano un andamento che si discosta decisamente dalla media delle Borse. Il confronto tra il price-to-book (rapporto fra valore di mercato di una società e valore reale che risulta dal bilancio) di questi tre settori con quello dell’indice azionario mondiale Msci World evidenzia un totale sganciamento.

Negli ultimi tre anni i numeri di Wall Street sono stati impressionanti: l’Indice S&P 500 ha guadagnato il 44,29%, il Dow Jones è salito del 50,72% e il Nasdaq addirittura è volato al 62,9%.  Tutto questo fa presagire che qualcosa nel breve/medio periodo potrebbe accadere.

Weekly highlights
Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo