31
luglio
2018
Esagon Weekly
Le principali news della settimana selezionate da Conto Esagon
Data
31 luglio 2018
Condividi su
La notizia della settimana
tempo di finanza 3107

Focus: aspettando le Banche Centrali

La settimana appena trascorsa è stata buona per i mercati finanziari. Tutte le principali borse mondiali hanno fatto registrare segno positivo: MSCI USA +0.5%, MSCI Europe (ex-UK) +1.4%, MSCI Japan +2.2%, MSCI China +1.6%, MSCI Emerging +2.1%. Ha sicuramente influito positivamente, almeno per ora, la minore tensioni sui dazi dopo l’incontro Trump-Juncker alla Casa Bianca di mercoledì scorso. L’intesa sembra essere raggiunta sulla riforma congiunta del WTO e sulla riduzione delle tariffe nel settore industriale con esclusione del comparto automotive. Staremo a vedere se effettivamente questi accordi dureranno veramente o ci saranno ulteriori sviluppi.

Facebook, una sorpresa negativa

La reporting season americana sta andando a gonfie vele, con l’eccezione del settore auto e di Facebook. Il colosso dei social network, nella scorsa settimana, ha perso circa il 17% dopo che ha inaspettatamente tagliato le stime sulla crescita del fatturato e degli utili operativi per l’anno. Quello che però ha spaventato gli analisti è l’indicazione dell’erosione del margine operativo dall’attuale 44% a circa il 35% per i prossimi anni.

Gli Stati Uniti sempre al Top

La scorsa settimana sono arrivati gli attesissimi dati macro sull’economia degli Stati Uniti che hanno confermato ancora una volta lo straordinario stato di forma. Si prevede una crescita su base annua del +4,1%, la più alta negli ultimi quattro anni. I dati erano comunque in linea con le attese degli analisti. Il fronte caldo risulta al momento essere quello delle valute, dove ben presto potrebbe scatenarsi una vera e propria guerra valutaria.

Bene le commodities

Arriva una boccata di ossigeno per il petrolio che sale a quota USD 74.3. (+ 1,7%). Anche il rame ha registrato un rimbalzo del 2.4% raggiungendo USD 6,297. Rallenta così la forte discesa che ormai perdurava da diverse settimane. Infine, il prezzo dell’oro è rimasto praticamente invariato a USD 1,224 (- 0.4%).

In attesa delle Banche Centrali

Questa settimana le Banche Centrali saranno le vere protagoniste della scena finanziaria. Sono attese importanti novità sulla politica monetaria. La prima a pronunciarsi sarà la Banca del Giappone (31 luglio) e a seguire Federal Reserve (1 agosto) e Banca d’Inghilterra (2 agosto). Gli analisti sono in grande attesa!!

 

 

Archivio rassegne stampa
Torno all'archivio

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo