Una super mamma green
Esagon Stories

Una super mamma green

Ci sono tanti modi per amare e rispettare il pianeta. Scopri quelli escogitati da Giulia, una mamma davvero green.
Data
09.01.2020

Una super mamma 

Giulia è green e vuole esserlo in tutto quello che fa. Se fa la spesa evita il più possibile di acquistare prodotti imballati, quando fa la raccolta differenziata ripone un’attenzione quasi maniacale nel separare i rifiuti e, last but not least, fa di tutto per insegnare ai suoi bambini il rispetto e l’amore per il pianeta. Per farlo non si limita a correggere i loro comportamenti sbagliati con un “Luca, non si butta per terra l’involucro della caramella!” o “Anna, usa un po’ meno sapone per lavare le manine!”, lei fa molto di più.

Lei, che come dice suo marito è un mix meraviglioso di amore e fantasia, ogni martedì cascasse il mondo, inventa e scrive una fiaba. Non si tratta di una fiaba qualsiasi, la sua è una storia dal finale non solo lieto, ma anche green. Come? Bè, per esempio c’è il drago che impara a non lanciare fiamme per non bruciare le foreste, le sirene che raccolgono rifiuti in mare e perfino la fata Amazzonia che sfida la terribile strega co2.

Ogni martedì sera la scena è meravigliosamente sempre la stessa: Anna abbracciata al suo coniglietto di peluche, Luca spettinato con il suo mostriciattolo preferito sulla pancia e infine c’è Giulia, un po’ stanca, con gli occhiali sul naso e le gambe incrociate, ma con l’enorme entusiasmo di chi mette il cuore in tutto ciò che fa.

Se ci pensi, i valori in cui credi fermamente, nascono sempre da un seme che qualcuno è riuscito a piantare nel tuo cuore. Per Giulia era stato suo padre a insegnarle quel rispetto per l’ambiente che oggi la contraddistingue e che a sua volta vuole tramandare ai suoi bimbi.

Un conto dal cuore verde 

Da buona mamma premurosa, forse talvolta anche un po’ ansiosa, da quando sono nati Anna e Luca ha iniziato a risparmiare per il loro futuro. E adesso che ha messo da parte un bel gruzzoletto ha deciso di affidarsi a Conto Esagon. A dire il vero non è stato semplice trovare un conto deposito in grado di rispondere a tutte le sue esigenze.

Giulia, infatti, non è una persona che si accontenta facilmente. Vincolare i suoi risparmi tenendoli al sicuro nel tempo e ricevere un tasso garantito per tutta la durata del vincolo non era abbastanza per lei. Voleva qualcosa di più, una soluzione in linea con la sua filosofia di vita. Così, dopo qualche ricerca su internet, ha trovato Esagon, l’unico conto deposito interessato all’ambiente esattamente quanto lei. E c’era un’intera foresta Esagon a dimostrarlo! Aveva scoperto, infatti, che Esagon aveva deciso di piantare alberi per contribuire alla lotta contro il riscaldamento globale. Allora le fu subito chiaro che aprire un conto deposito avrebbe significato fare un doppio investimento per il futuro di Anna e Luca. Da un lato avrebbe fatto maturare i suoi risparmi, dall’altro avrebbe contribuito all’impresa di far crescere un nuovo piccolo polmone verde nel mondo.  Così, per sentirsi parte di un cambiamento positivo e pensando che anche suo padre sarebbe stato orgoglioso di lei, ha scelto Esagon.

La foresta Esagon

“Finalmente un conto deposito che ha deciso di far bene all’ambiente!” questo è quello che ha pensato Giulia. La scelta di piantare alberi, che assorbono naturalmente la co2 presente in atmosfera, rappresenta un’arma semplice, ma davvero efficace nella lotta al riscaldamento globale.
E al momento, tra specie da frutto e forestali, Esagon in collaborazione con Treedom ne ha piantati 1000. Il lato divertente dell’iniziativa è che Giulia può sapere tutto della foresta Esagon. Le basta andare sul sito di Treedom per conoscere esattamente la posizione di ogni esemplare e seguirne la crescita passo per passo. In ogni momento può tenersi aggiornata sullo stato degli alberi di caffè in Madagascar, gli alberi di Lime in Guatemala o gli Avocado in Kenya.

Inoltre, la rilevanza dell’iniziativa intrapresa da Esagon è considerevole se si considera che è stato raggiunto il traguardo di piantare un numero tale di alberi da riuscire ad assorbire lungo il loro ciclo di vita ben 200.000 kg di co2. Questo è un traguardo importante per Giulia che, con ogni bottiglia raccolta sulla spiaggia d’estate e ogni fiaba green che inventa e racconta, non vuole piantare solo un albero con Esagon, ma provare a far germogliare il seme di un mondo migliore.

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo