Un conto a zero spese
Esagon Stories

Un conto a zero spese

Fidarsi è bene non fidarsi è meglio? Se anche tu la pensi come Laura leggi l’articolo per scoprire chi merita la tua fiducia. 
Data
13.02.2020

Laura è in gamba e intraprendente, ma il suo successo non le era certo piovuto dal cielo. Tanti, infatti, erano stati i fallimenti da cui ogni volta era uscita più forte di prima. E crescendo e diventando sempre più scaltra, aveva imparato ad apprezzare da un lato il valore della fiducia e dall’altro a non fidarsi di chiunque: “Le parole devono sempre essere seguite dai fatti”, era questo il suo slogan.

Sembrava a zero costi e invece era un calesse

Gli amici, i suoi colleghi, gli spot in televisione e i banner online. Quante volte le avevano fatto promesse non veritiere? Ti assicuro tante. E se gli amici, come dicono in tanti, basta guardarli negli occhi per afferrarne la sincerità, i suoi colleghi lavorarci fianco a fianco qualche mese per comprendere di che pasta sono fatti, per gli spot in televisione e i banner pubblicitari di un prodotto da acquistare o di un contratto da sottoscrivere come poteva essere sicura di quanto promettevano?

L’unico modo era informarsi, leggere senza tralasciare alcun dettaglio, approfondire quanto riportato nei siti e in tutti i documenti disponibili fino ad essere certa al 100% di fare la scelta giusta. Tutto questo per non imbattersi più in frasi del tipo “Zero costi” o “Nessun costo aggiuntivo” e poi scoprire sul suo conto qualche addebito a sorpresa.

“Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio”?

Pochi euro, decine o centinaia poco importa. La sua rabbia e il suo disappunto erano sempre incontenibili ogni volta che rimaneva delusa da una promessa non rispettata. Era presto giunta alla conclusione che avrebbe dovuto scegliere più attentamente di chi fidarsi. E nel momento in cui si era resa conto che con gli sforzi e i sacrifici del suo duro lavoro era riuscita a mettersi da parte una bella somma di denaro, aveva deciso che quei risparmi andavano custoditi nel modo giusto. Valutando di optare per un conto deposito, aveva considerato Esagon, un conto deposito a zero costi. Ma come poteva essere certa di aver trovato quello giusto?

L’unica cosa da fare per Laura fu darsi ad un lavoro certosino di lettura e rilettura di 6 pagine di foglio informativo e di ogni singola sezione del sito di Esagon, fino ad essere pienamente sicura del fatto che l’apertura del conto e l’attivazione un vincolo avrebbe comportato zero costi.

Un conto su cui puoi contare

Oltre ad essere semplicissimo da aprire - ti basti pensare che anche sua nonna Rosa, con i suoi splendidi 83 anni e la sua rinomata avversione per la tecnologia, con qualche dritta di Laura è riuscita ad aprire il suo Conto Esagon e attivare un vincolo! - è a tutti gli effetti gratuito.
Laura lo ha trovato scritto ovunque nel sito: nel foglio informativo all’interno della sezione trasparenza, tra le FAQ, tra i valori di Conto Esagon. E alla fine, per fugare anche il più remoto e piccolissimo dubbio, aveva perfino telefonato al call center per chiedere conferma di quanto aveva letto.

Alla stregua di un investigatore privato aveva effettuato tutti i controlli immaginabili e, alla fine, arrendendosi all’evidenza e con la pace nel cuore di chi ha verificato tutto il verificabile, si è convinta che effettivamente non avrebbe avuto brutte sorprese con Esagon: niente costi di apertura o gestione e l’imposta di bollo è interamente a carico della banca per tutta la durata del vincolo.
Proprio una bella notizia per Laura che ha scelto Esagon e lo ha inserito tra i brand di cui fidarsi.

 

 

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo