Arredamento green
Ambiente

Arredamento green

Le tre strade per un arredamento green? Il fai da te, i mobili vintage e i materiali naturali e riciclabili.
Data
05.06.2020

Ci sono tanti modi per rispettare l’ambiente. Uno di questi parte dal luogo in cui trascorriamo più tempo nella vita: la casa. Oltre alla domotica per un’ottimizzazione dei consumi e all’utilizzo di fonti di energia rinnovabili come i pannelli solari, anche la scelta di arredare gli spazi in maniera ecosostenibile può essere un passo avanti verso un pianeta più pulito.

Il legno FSC

Negli ultimi anni il green style sta diventando un vero e proprio trend in fatto di arredamento di lusso ed eleganza. Una casa “pulita”, che magari riesce ad ospitare al suo interno zone verdi, è ormai diventato il sogno di molti. Le opportunità sono tante e per tutti i gusti. Dalle idee fai da te con materiali riciclati ai mobili ecosostenibili di design, dal restauro di mobili vintage agli elementi di arredo in legno con certificazione FSC.

Il legno, infatti, che da sempre riveste un ruolo cardine in fatto di arredamento, rientra a pieno titolo tra i materiali rispettosi dell’ambiente. Ma ad una condizione: che sia certificato FSC. Questa sigla garantisce diversi aspetti. Ovvero che il mobile è stato realizzato nel rispetto dell’ambiente, che il legno utilizzato provenga da foreste gestite responsabilmente e la sua origine è tracciata nel dettaglio e, infine, che l’azienda produttrice sia impegnata su temi ambientali.

I materiali green

Oltre al legno, su quali materiali puntare? Sicuramente quelli riciclabili. C’è il bambù, anche conosciuto come “acciaio vegetale”, data la sua resistenza e versatilità.
Il cartone, con cui vengono realizzati complementi d’arredo facili da smontare e rimontare e di grande effetto.
E poi la pietra e gli scarti di marmo che, con le loro sfumature e venature uniche, decorano gli ambienti della casa. E, infine, il sughero, con i suoi toni caldi, e il vetro. Quest’ultimo da sempre apprezzato per la sua capacità di far passare la luce da un ambiente all’altro e riciclabile al 100%.

Nuova vita ai vecchi mobili

Dare nuova vita agli oggetti è il fulcro di un approccio green alla vita. Quindi perché non applicare questo metodo anche in tema di arredamento? Acquistare mobili vintage è una soluzione di tendenza per la casa.

Fare un giro tra mercatini e antiquari può essere un modo divertente per dare un tocco estremamente chic alla tua casa riportando in auge elementi di arredo del passato. Puoi decidere di utilizzarli tal quali, restaurarli oppure variarli nel colore. L’importante è utilizzare vernici e colle ecologiche.

Idee fai da te arredamento green

Un’altra strada che puoi percorrere è quella di un arredamento green fai da te. Gli spunti in rete sono davvero tanti. Abbondano, infatti, i video tutorial su Youtube e le foto su Pinterest da cui trarre ispirazione.

I pallet, per esempio, rappresentano un modulo davvero versatile per creare diversi elementi di arredo.

Da un letto in stile giapponese a tavoli per il salotto, da basi per costruire le sedute di un divano a strutture per realizzare giardini verticali indoor e outdoor. Puoi verniciare i pallet con vernici ecologiche o usarli al naturale, puoi scomporli per utilizzarne solo alcune parti oppure assemblarli tra loro.

Anche le cassette in legno solitamente destinate alla frutta sono ottime per realizzare librerie, scaffali, piccoli tavoli da salotto.

 

Per realizzare una casa green in fondo basta poco. Il fai da te, i mobili vintage, i materiali naturali e riciclabili sono le tre strade per un arredamento ecosostenibile.

 

Condividi su

Newsletter Esagon

Un appuntamento mensile per rimanere sempre aggiornati su economia, finanza, lifestyle e temi green.

Mi iscrivo